Go Back   Forum > OT-Forum > Calcio

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Display Modes Translate
  #1  
Old 09-04-2006, 03:15 PM
albio1985 albio1985 is offline
Banned
 
albio1985's Avatar
 

Join Date: Apr 2005
Posts: 201
albio1985 is on a distinguished road
Default E' morto Giacinto Facchetti

Addio Facchetti

Bandiera nerazzurra

Si è spento a Milano Facchetti, simbolo dell'Inter: dalle 634 gare con 79 gol al ruolo di presidente. Leader della Grande Inter di Herrera, capitano per eccellenza dell'Italia
Giacinto Facchetti con la coppa Campioni '65. Olympia“Se ne è andata l’ultima bandiera”: frase sempre evocativa, spesso retorica e soprattutto fuori moda in un calcio business e senza anima. Ma questa volta possiamo proprio dire che l’ultima bandiera ha smesso di sventolare e, purtroppo, per sempre. Piange l’Inter, piange il mondo del calcio, per l’addio di Giacinto Facchetti, spentosi alla soglia dei 64 anni dopo una malattia dura e terribile, quanto veloce nel strapparlo ai propri affetti. Muore un mito, muore il capitano per eccellenza, ma si sa che i miti sono immortali e allora sembra di vederlo ancora lì. Sulla fascia sinistra ad interpretare per primo il ruolo di terzino fluidificante; a guardare la monetina che sanciva la vittoria italiana nell’Europeo casalingo del 1968; stampato per sempre nella formazione-mantra Sarti-Burgnich-Facchetti e via dicendo della Grande Inter di Helenio Herrera; monumento azzurro capace di accompagnare l’Italia attraverso 3 Mondiali con la folle e storica notte di Italia-Germania 4-3 a Messico ’70; e alla fine di recitare il ruolo di presidente nell’Inter di Massimo Moratti dopo aver fatto grande i nerazzurri di papà Angelo.
GLI INIZI Giacinto era nato a Treviglio, provincia di Bergamo, il 18 luglio 1942: non ha mai abbandonato le sue radici (abitava a Cassano d’Adda) perché amava vivere nel verde dove ritrovava l’equilibrio. Padre ferroviere, madre casalinga, un fratello e tre sorelle: ambiente sereno e pulito, il massimo per crescere una speranza. Il grande amore con l’Inter nasce però da uno “sgarbo”. Facchetti venne raccomandato a 16 anni da Meazza per un provino all’Inter, ma venne scartato dai soloni della società. Lui si rivolse all’Atalanta, firmò, ma un factotum della società milanese lo convinse a rimanere inattivo fino a novembre e quindi passare all’Inter. Era il 1958, l’inizio della leggenda. Lo spilungone di Treviglio strappato all’atletica, lavora sodo: mattina a scuola, panini al volo, poi di corsa alla stazione (accompagnato in bici dal papà), treno, tram, allenamenti e ritorno.
LA GLORIA Herrera lo vede e intuisce la stoffa del campione, fino a farlo debuttare il 21 maggio 1961 in Roma-Inter 0-2. La settimana dopo ancora in campo e partita sbloccata con un gol in Inter-Napoli 3-0. Facchetti cresce, supera le critiche di San Siro per una stagione opaca e nel 1963 si laurea campione d’Italia per la prima volta. E’ l’anno della conferma perché il 27 marzo debutta con l’Italia ad Instanbul con la Turchia (0-1). Non si sfilerà più la maglia azzurra: 94 presenze, 70 da capitano e 3 gol con il trionfo dell’Europeo 1968 e il titolo di vice-campioni del mondo nel 1970. Il Mago Herrera lo trasforma nel primo terzino-bomber della storia, il primo terzino fluidificante che attacca sulla fascia, il punto di riferimento di sua maestà Beckenbauer. Nel 1964 perde lo spareggio scudetto con il Bologna, ma si rifà con la Coppa Campioni e Intercontinentale. Il bis nel 1965 in Europa, nel Mondo e anche in Italia con il secondo scudetto. Il 1966 porta ancora tricolore e la prima fascia di capitano con l’Italia: a Milano il 1° novembre nel successo sull’Urss dopo la disfatta mondiale con la Corea del Nord (il ricordo più doloroso della carriera).
LA FAMIGLIA Le vittorie si accoppiano con lo stile, l’eleganza e la serietà. Il matrimonio con il nerazzurro è felice e nel 1967 si “affianca” a quello di vita con l’amata Giovanna, conosciuta in una balera di Rivolta d’Adda. Viaggio di nozze ad Orvieto: lui in caserma per servizio militare, lei in una pensioncina. Quattro figli coroneranno il sogno d’amore: Barbara, Vera, Gianfelice e Luca (attaccante con carriera in serie C e D). Sul campo Giacinto gioca e vince: il quarto scudetto arriva nel 1971 e l’ultimo successo è la Coppa Italia del 1978, quando la carriera è al termine. Saluta il campo a 36 anni, il 7 maggio ’78 in Inter-Foggia 2-1 con un autogol: quasi una beffa del destino per il terzino goleador che aveva collezionato 475 partite in serie A con 59 gol (634 in totale con 75 gol), tutto con la maglia nerazzurra.
IL PRESIDENTE Dopo una brevissima parentesi di 9 mesi da vicepresidente dell’Atalanta nel 1980 (sempre il nerazzurro…), Giacinto rientrò in orbita Inter come dirigente nel 1985 con Pellegrini. Dieci anni dopo arriva Massimo Moratti: il simbolo è sempre al suo fianco, nel novembre 2001 diventa vicepresidente, soffre per il 5 maggio e dal gennaio 2004 è la bandiera del club. Miglior persona non si poteva trovare come 19° presidente dell’Inter, miglior carriera nerazzurra non poteva capitare al “Cipe”, come lo chiamava il Mago Herrera dopo che Buffon gli aveva storpiato il cognome in “Cipelletti” nel ’60.
L’UOMO Lascia un uomo tutto di un pezzo: venne definito “terzino e gentiluomo”. Troppo poco per un giocatore che chiuse la carriera con la Nazionale come capitano non giocatore nel 1978. Poteva ribellarsi ad un ruolo non suo: invece zero polemiche, aiutò sempre Bearzot nel Mondiale argentino e trovò la “gloria letteraria” nell’eroe di “Azzurro tenebra”, il romanzo di Giovanni Arpino, suo grande amico e padrino di Gianfelice. Il gigante che da piccolo sognava di fare il muratore, perché era felice quando dal primo piano di una casa in costruzione poteva tuffarsi su un mucchio di sabbia, chiudeva una carriera esemplare (un solo rosso per un applauso ironico all’arbitro Vannucchi nel 1975 con San Siro) tra i dolci ricordi e la consapevolezza di essere un simbolo del calcio italiano. Sempre a testa alta, in campo e fuori, amato dagli interisti e non solo. Ci mancherà, sembra retorica, ma non lo è.

da www.gazzetta.it


CIAO GIACINTO UN ESEMPIO DA SEGUIRE


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 09-04-2006, 03:26 PM
ema75 ema75 is offline
Senior Member
 

Join Date: Sep 2005
Location: Abruzzo
Posts: 524
ema75 is on a distinguished road
Default

Cavolo, mi dispiace, ma come è successo? Non c'erano avvisaglie per niente di una cosa del genere; peccato se ne va il nostro presidente e un grande del calcio Italiano e dell'Inter
ADDIO!!!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 09-04-2006, 03:30 PM
Vite Vite is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2005
Posts: 409
Vite is on a distinguished road
Default

Purtroppo le avvisaglie c'erano, Ema, ma la cosa ai più non era nota. Facchetti, infatti, da qualche mese era sotto chemioterapia per un grave tumore. Mi dispiace molto!!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #4  
Old 09-04-2006, 03:38 PM
cancro87 cancro87 is offline
Banned
 
cancro87's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: Cosenza
Posts: 198
cancro87 is on a distinguished road
Send a message via MSN to cancro87
Default

Veramente un grande del Calcio...anche se era interista!!!! mi dispiace molto anche se siamo di diversi colori


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #5  
Old 09-04-2006, 03:41 PM
saschi saschi is offline
Senior Member
 
saschi's Avatar
 

Join Date: Dec 2005
Location: Nord Sardegna
Posts: 198
saschi is on a distinguished road
Default

Chi fino a pochi giorni fa continuava ad infangare il suo nome per proteggere se stesso (l'ex d.g della Juventus) dovrebbe vergognarsi pubblicamente.
ADDIO GIACINTO!!! Grande uomo, grande presidente.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #6  
Old 09-04-2006, 03:43 PM
giammy1288 giammy1288 is offline
iModerator
 
giammy1288's Avatar
 

Join Date: Oct 2005
Location: Italia
Posts: 3,064
giammy1288 is on a distinguished road
Default

anche se sei interista... addio giacinto...


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #7  
Old 09-04-2006, 03:49 PM
sefirothmorpheus sefirothmorpheus is offline
Moderatore brazingles :)
 

Join Date: Mar 2006
Location: Cidade Maravilhosa
Posts: 7,478
sefirothmorpheus is on a distinguished road
Default

Ciao Grande... cavalca anche lassù!!!!!!!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #8  
Old 09-04-2006, 03:50 PM
fossa dei leoni 1968 fossa dei leoni 1968 is offline
Moderator
 
fossa dei leoni 1968's Avatar
 

Join Date: Apr 2006
Location: Brianza
Posts: 2,017
fossa dei leoni 1968 is on a distinguished road
Default

Quote:
Originally Posted by cancro87
Veramente un grande del Calcio...anche se era interista!!!! mi dispiace molto anche se siamo di diversi colori


quoto in pieno...


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #9  
Old 09-04-2006, 03:55 PM
sassi sassi is offline
Banned
 
sassi's Avatar
 

Join Date: May 2005
Location: A' citta ro mare e ro Sole: Napoli
Posts: 2,052
sassi is on a distinguished road
Send a message via MSN to sassi
Default

Giacinto perche' te ne seia andato cosi presto, uomini come te nel calcio c'erano poki
Cmq sai quante bestiemme gli ha mandato moggi......


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #10  
Old 09-04-2006, 03:55 PM
Dadaldo Dadaldo is offline
Senior Member
 

Join Date: May 2006
Posts: 249
Dadaldo is on a distinguished road
Default

non mi stava molto simpatico
però un po' mi dispiace...


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 04:47 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.