Go Back   Forum > OT-Forum > Calcio

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Display Modes Translate
  #1  
Old 08-09-2007, 06:15 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Il campionato più breve del mondo

In 28 giorni, in Francia, si giocano 7 giornate di campionato. Calendario infernale d’agosto. Su questi ritmi, la Ligue 1 finirebbe il 18 gennaio. Un record che sarebbe battuto in ogni caso da un altro campionato che dura invece appena una settimana. Un campionato vero, che si gioca tra i ghiacci della Groenlandia.
POLARE Trenta club, cinquemila tesserati, di cui 500 donne, su 56mila abitanti. In Groenlandia, regione danese autonoma, il calcio è lo sport più popolare. Ma praticato con il contagocce. Colpa del clima polare che rende impraticabili i pochi campi da settembre a maggio, e della mancanza di strutture adeguate. Così, il campionato si svolge in una settimana. Il primo fu giocato nel 1971, anno di nascita della Federcalcio locale.
GLORIA L’evento è di rilevanza nazionale. Un torneo che riunisce otto squadre, qualificatesi a livello regionale, suddivise in due gironi. Le prime due di ogni gruppo si giocano ai playoff la coppa, e soprattutto la gloria, per 359 giorni l’anno.
NAZIONALE I migliori giocatori vanno anche in nazionale. Una nazionale non riconosciuta né dalla Fifa né dall’Uefa, nonostante esista dal 1989. "Vorremmo che l’Uefa ci riconoscesse – spiega il c.t. danese Tang Olesen – non per partecipare agli Europei, ma per aiutarci ad acquisire un terreno sintetico dove giocare".
CAMPI Il dramma della Groenlandia infatti è l’assenza di campi che rispettino gli standard. La nazionale è costretta a giocare sempre in trasferta. Nessuno vuole rischiare gambe e caviglie su campi in terra ghiacciata.
TORNEI Ad ottobre, Olesen porterà così i suoi ragazzi a Zanzibar, per un torneo di nazionali non riconosciute. Il suo sogno è di organizzarne uno in casa, entro il 2011. L’aiuto dell’Uefa sarebbe provvidenziale.
EROE Nel frattempo, ci si accontenta del campionato locale, che si svolge fino a sabato a Nuuk, la capitale, a 300 km a nord del Circolo Polare Artico. Quello dei cadetti è andato al Nagdlunguak 1948 per il secondo anno consecutivo. L’eroe di questi ragazzi non è Ronaldinho, ma Niklas Kreutzmann, un connazionale che gioca nella serie B danese.

fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 04:16 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.