Go Back   CoolStreaming Forum > CoolStreaming > Forum Generale
User Name
Password
Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read





Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 06-08-2006, 11:30 AM
Frencisauro Frencisauro is offline
Senior Member
 
Frencisauro's Avatar
 

Join Date: May 2005
Location: Brianza
Posts: 128
Frencisauro is on a distinguished road
Default Calcio pirata, nessuna responsabilità per gli ISP

Tribunale di Milano respinge il ricorso di SKY contro Telecom, a cui aveva chiesto di oscurare un sito che linkava partite di calcio diffuse abusivamente in rete. Un precedente importante.


Milano - Si è chiusa con una ordinanza del Tribunale di Milano una nuova puntata sul fronte della diffusione in rete di partite di calcio in violazione dei diritti di SKY Italia, una ordinanza di grande rilievo, perché ribadisce importanti garanzie per i provider italiani sulla questione delicatissima del filtraggio degli IP.

In sostanza SKY Italia, oltre a ricorrere contro il sito Tvgratis.net per la messa in rete di link e software che consentivano agli utenti di accedere a partite diffuse illecitamente da server cinesi, aveva anche chiesto che Telecom Italia fosse considerata responsabile per la mancata inibizione degli IP di quel sito e di un suo mirror. Una richiesta, quest'ultima, che il giudice ha rigettato in toto.

Nella sua ordinanza del 5 giugno, infatti, il giudice De Rosa fa esplicito riferimento al fatto che Telecom svolge esclusivamente l'attività di access provider e, come tale, non può essere considerata corresponsabile di illeciti. Una garanzia, peraltro, prevista dal decreto legislativo 70/2003 (art. 14.1) che recita:

"Nella prestazione di un servizio della società dell'informazione consistente nel trasmettere, su una rete di comunicazione, informazioni fornite da un destinatario del servizio, o nel fornire un accesso alla rete di comunicazione, il prestatore non è responsabile delle informazioni trasmesse a condizione che: / a) non dia origine alla trasmissione; / b) non selezioni il destinatario della trasmissione; / c) non selezioni né modifichi le informazioni trasmesse)".

Ma c'è di più. Il blocco dell'IP dei siti, spiega il magistrato, può avvenire soltanto dietro esplicita richiesta dell'autorità giudiziaria o di determinate amministrazioni solo nel caso in cui chi produce l'illecito online non cessi la propria attività. L'articolo 14.3 dello stesso decreto, infatti, offre a magistratura e PA un potere esercitabile nell'eventuale fase esecutiva ma, appunto, solo in caso di inadempimento dell'autore dell'illecito rispetto all'ordine di porvi fine.

Questo significa, in buona sostanza, che Telecom non dovrà porre in atto alcuna misura di blocco nell'accesso al sito e al suo mirror fino a quando non vi sarà un ordine esecutivo in questo senso. Un ordine che con ogni probabilità non verrà emesso in quanto entrambi i siti sono stati ormai disattivati dal loro webmaster che, secondo l'ordinanza, si sarebbe trovato dinanzi ad una sanzione di 30mila euro per ogni giorno di ritardo nel cancellare quei link e gli altri materiali del caso.

Di interesse segnalare che il webmaster si è impegnato in fase dibattimentale in più occasioni a rimuovere il materiale contestato da SKY Italia, un impegno di cui il giudice ha preso atto nell'ordinanza, in cui stabilisce che l'owner di quei siti non possa più, "direttamente o per interposta persona", mettere a disposizione siti che pubblicizzano i server cinesi o i materiali, link compresi, che consentano la fruizione di quelle partite. La questione è stata liquidata imponendo al webmaster il solo pagamento delle spese processuali, pari a 5200 euro.

Di seguito il commento di Andrea Monti, avvocato ed esperto di cose della rete.

Il 3 giugno 2006 il Tribunale di Milano, sezione specializzata per la proprietà intellettuale, ha deciso su un ricorso presentato da SKY Italia contro Telecom Italia e contro il gestore di un sito che linkava server dai quali vedere le "famigerate" partite di calcio.

Il provvedimento ha ritenuto illecito il comportamento di chi "favorisce" la circolazione degli stream delle partite pubblicando link ad altri siti (anche se su questo ci sarebbe qualcosa da dire), ma nello stesso tempo ha chiaramente affermato che un internet provider non è automaticamente responsabile di ciò che accade sulla rete.

Si è conclusa dunque con una nuova sconfitta l'ennesima battaglia della guerra senza quartiere ingaggiata da SKY contro i siti che linkano le partite di calcio rese disponibili in rete da server cinesi e che lo scorso 8 febbraio aveva visto appunto SKY subire lo smacco della riapertura di coolstreaming.it e calciolibero.it, di primo acchitto chiusi dalla Guardia di finanza e poi dissequestrati dal magistrato (il testo del provvedimento è disponibile su questa pagina).

Benché, tornando all'ordinanza di Milano, al gestore del sito sia stato imposto di cessare immediatamente di pubblicare link, mirror e software "strumentali" alla violazione dei diritti di SKY, l'emittente non è riuscita in quello che sembra l'obiettivo primario delle major dell'audiovisivo: far passare il principio che ISP e compagnie telefoniche sono - per il solo fatto di consentire l'accesso alla rete - responsabili di ciò che fanno persone dislocate - come in questo caso - letteralmente dall'altra parte del mondo.

Si tratta chiaramente di un principio assurdo, perché equivarrebbe a ritenere chi gestisce le autostrade legalmente responsabile del fatto che anche i criminali le utilizzano. Ciò non toglie però che, dal punto di vista delle major dell'audiovisivo, sia più semplice attuare un pressing giudiziario sulle compagnie telefoniche, in modo che siano queste ultime a prendersela con gli utenti, risparmiando così tempo e soldi.

Se passasse la tesi sostenuta da SKY e dalle altre società dell'intrattenimento, infatti, l'ISP si troverebbe nella condizione di dover sistematicamente denunciare i propri utenti o, comunque, in quella di dover staccare la connettività dei propri abbonati per evitare, così, di essere chiamati in giudizio a rispondere dei danni.

Il tema, però, è tutt'altro che nuovo.
Già dieci anni fa ALCEI aveva denunciato i rischi derivanti dal coinvolgimento automatico degli ISP, e successivamente la non responsabilità dell'internet provider è stata anche sancita anche a livello comunitario (con la direttiva 31/00/CE, recepita anche in Italia). E anche il giudice milanese è esplicito fino alla brutalità, nel rigettare la tesi di SKY: "la domanda cautelare ? in quanto proposta nei riguardi di Telecom Italia ? appare prima facie destituita di fondamento, per l'insuperabile ostacolo costituito dal disposto dell'art. 14 1° co. D.leg.vo 70/2003 sancente l'irresponsabilità del "prestatore" del "servizio della società dell'informazione consistente... nel fornire un accesso alla rete di comunicazione..."("access provider", qui Telecom), a meno che l'operatore non compia attività incisive sulla trasmissione e le informazioni".

Evidentemente, però, questa scelta "non piace" e quindi, se non la si può (ancora) cambiare con la legge, si prova a raggiungere il risultato tramite i processi: a furia di "tirare spallate" la porta si dovrà pur sfondare!
Putroppo, a quanto pare, è solo questione di tempo, vista l'aggressività e l'ostinazione dei lobbisti di settore che stanno premendo, sia a livello comunitario, sia a livello nazionale, per ottenere ulteriori inasprimenti della legge sul diritto d'autore.

avv. Andrea Monti

www.ictlex.net


Fonte: Punto Informatico


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 06-08-2006, 11:34 AM
SmAiL SmAiL is offline
SpiderPork
 
SmAiL's Avatar
 

Join Date: Mar 2005
Location: dietro di te
Posts: 1,029
SmAiL is on a distinguished road
Default

S.k.y ha citato in giudizio sia il webmaster di tvgratis sia Telecom Italia (provider del webmaster).
Il giudice ha stabilito fortunatamente l'irresponsabilità di telecom Italia dando un altra mazzata a S.k.y che sperava di ottenere una sentenza che consentisse di richiedere un "lucchetto" per tutti i siti giudicati da S.k.y come "pericolosi"

Viene così spiegata la sparizione di Tvgratis che ha dovuto cessare ogni attività poichè se avesse proseguito a tenere online i contenuti oggetto deò contendere avrebbe dovuto pagare una sanzione di 30.000 euro per ogni giorno di ritardo.
L'ordinanza del giudice ha quindi stabilito l'inibitora del webmaster a creare altri siti con i medesimi contenuti, l'irresponsabilità dei provider per gli atti compiuti dagli utenti e l'attribuzione delle spese processuali a carico del webmaster di tvgratis per un ammontare di 5.200 Euro.

A questo punto non posso che ribadire la volontà di coolstreaming nel mantenere l'attuale regolamento interno che fino ad oggi ci ha permesso di difenderci degnamente dagli attacchi di s.ky.
Tutto questo non fa che alimentare la nostra forza nel resistere a chiunque provi a togliere la libertà di fruire di servizi internet per difendere presunte posizioni monopolio.
S.k.y si deve mettere in testa che non è padrona di tutto..
La rete è libera, quello che si trova in libera fruizione su internet non deve essere in alcun modo oscurato!
__________________
TrafficanteDiPinguini il BloG!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 06-08-2006, 11:51 AM
sassi sassi is offline
Banned
 
sassi's Avatar
 

Join Date: May 2005
Location: A' citta ro mare e ro Sole: Napoli
Posts: 2,054
sassi is on a distinguished road
Send a message via MSN to sassi
Default

Piena solidarieta' al webmaster di tvgratis.net!!!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote

  #4  
Old 06-08-2006, 11:55 AM
giuseppe. giuseppe. is offline
Senior Member
 

Join Date: Nov 2005
Posts: 693
giuseppe. is on a distinguished road
Default

credo che sky x questo mondiale ci perdera parecchio xche la gente vedra i mondiali os su astra (cioe zdf ard e rtl) oppure in streaming)


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #5  
Old 06-08-2006, 12:01 PM
staff staff is offline
Administrator
 
staff's Avatar
 

Join Date: Mar 2005
Posts: 6,803
staff is on a distinguished road
Default

Che sia chiaro per tutti. Coolstreaming non intende fare battaglie a nessuno. Noi le nostre contromisure le abbiamo prese sia legalmente e presto anche in modo societario. Nessuno qui e' contro Sky o altre aziende televisive. E' logico che continueremo a parlare dei p2p-tv e dare degli schedule in generale ,perche' e' assolutamente in linea. Per il resto Coolstreaming si trasformera' in qualcosa di ancora + bello di come e' ora. Forse le partite saranno completamente messe da parte forse no, e' logico che fare muro contro muro non porterebbe a nulla.
Grazie a tutti.
__________________
CoolStreaming on Iphone / Ipad / Android / Android Tablet
Install Now Click Here


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #6  
Old 06-08-2006, 08:35 PM
J.F. J.F. is offline
Senior Member
 
J.F.'s Avatar
 

Join Date: Mar 2006
Posts: 357
J.F. is on a distinguished road
Send a message via MSN to J.F.
Default :mad:



ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #7  
Old 06-08-2006, 08:39 PM
fossa dei leoni 1968 fossa dei leoni 1968 is offline
Moderator
 
fossa dei leoni 1968's Avatar
 

Join Date: Apr 2006
Location: Brianza
Posts: 2,017
fossa dei leoni 1968 is on a distinguished road
Default

mi sono precipaitato di corsa in internet dopo aver letto il televideo dove diceva della chiusura di tvgratis..
pensavo già all'ennessima battaglia di sky, ma invece qui leggo il contrario..sky è stata battuta per l'ennesima volta...non ci sto capendo nulla!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote

  #8  
Old 06-09-2006, 12:00 PM
J.F. J.F. is offline
Senior Member
 
J.F.'s Avatar
 

Join Date: Mar 2006
Posts: 357
J.F. is on a distinguished road
Send a message via MSN to J.F.
Default Non capisco

Io non capisco un'altra cosa...

Tvgratis non era un sito diverso da molti altri...faceva schedule, dava i link dei canali, pubblicizzava i p2p... Perchè lo hanno costretto a chiudere?

In sostanza... La differenza tra il vecchio coolstreaming.it e Tvgratis.net quale era?


-----------------
Sassi moderatore
-----------------


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #9  
Old 06-09-2006, 12:05 PM
staff staff is offline
Administrator
 
staff's Avatar
 

Join Date: Mar 2005
Posts: 6,803
staff is on a distinguished road
Default

bisogna leggere l'ordinanza, cmq sia si tratta solo di una cosa "temporanea" che non avra' seguito. Non sappiamo ancora su quali basi il giudice possa richiedere una chiusura forzata in base a dei semplici link pubblici.
Ripeto e' solo una decisione "temporanea".
__________________
CoolStreaming on Iphone / Ipad / Android / Android Tablet
Install Now Click Here


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #10  
Old 06-09-2006, 12:09 PM
giacchettone giacchettone is offline
Moderator
 

Join Date: Apr 2005
Posts: 704
giacchettone is on a distinguished road
Default

Il fatto è che ogni giudice può prendere una decisione diversa....poi ci sono i gradi di appello, quindi questa decisione è suscettibile di cambiamento in appello..quando si arriverà alla conclusione il procedimento potrà fare giurisprudenza...


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 07:59 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2016, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.