Go Back   Forum > OT-Forum > LibertÓ Digitali

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 05-01-2008, 09:05 AM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default I discografici: chiudete lo streaming condiviso

I discografici: chiudete lo streaming condiviso

di Alfonso Maruccia

Roma - RIAA all'assalto dei jukebox multimediali sul web: nove etichette discografiche, rappresentate dall'associazione di categoria celebre per aver portato in tribunale un numero di persone equivalente a un piccolo paese di periferia, hanno fatto chiamare alla sbarra Project Playlist, community di scambio e condivisione di playlist musicali online. L'accusa? Sempre la stessa, ovvero infrazione del copyright degli aventi diritto o presunti tali.

Project Playlist Ŕ un progetto sviluppato dalla omonima societÓ di Beverly Hills, California, nato con lo scopo di facilitare la ricerca e l'ascolto di "personal playlist" per gli utenti della community. Un portale che Ŕ cresciuto in popolaritÓ al punto da arrivare a totalizzare una media di 600mila contatti al giorno e 9,5 milioni di pagine aperte al mese, sostengono le major.

E come ben esemplificano i casi di imeem, Last.fm, Pandora e Qtrax, quando questo genere di servizi diventa troppo popolare scatta prevedibilmente la reazione dei potentati dell'industria che, nonostante la montante consapevolezza della necessitÓ di cambiare mercato, business e atteggiamento nei confronti della "pirateria" online, non perdono comunque occasione di riaffermare la loro draconiana visione delle cose per quanto riguarda il copyright e condivisione dei contenuti multimediali in rete.
"Al semplice click di un mouse - si legge nella causa legale intentata da RIAA - Project Playlist trasferisce istantaneamente in streaming una performance digitale di una registrazione scelta dall'utente, il quale pu˛ ascoltarla sul proprio computer o su un dispositivo mobile". Oltre al semplice ascolto e alla compatibilitÓ con player portatili quali iPod e iPhone, PP da la possibilitÓ di embeddare le playlist sui siti di social networking pi¨ celebri quali MySpace, Facebook e la piattaforma di blogging Blogger.

Un circolo virtuoso di condivisione "social" che all'industria proprio non piace, perchÚ a suo dire "l'intero business ammonta a nient'altro che a una massiccia infrazione" del diritto d'autore posseduto dalle major coinvolte nella causa. Major che ora chiedono la fine della suddetta, plateale infrazione assieme al pagamento di una cifra non specificata in riparazione dei presunti danni subiti.

A poco vale, a quanto pare, il fatto che Project Playlist affermi la propria estraneitÓ all'infrazione dei diritti, funzionando in sostanza come motore di ricerca per contenuti ospitati altrove sul web. E in risposta alla possibile difesa della societÓ basata sul suo essere semplice "ambasciatore" di registrazioni disponibili su server non di sua proprietÓ, RIAA sostiene che per rendere disponibili i brani ai propri utenti Ŕ necessario che PP indicizzi i contenuti in modo da poterli poi girare ai sistemi client.

Fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 05-01-2008, 10:59 AM
corso corso is offline
Senior Member
 
corso's Avatar
 

Join Date: Jan 2007
Location: RIO DE JANEIRO
Posts: 2,547
corso is on a distinguished road
Default

la situazione e`confusa. da una parte si vuole liberalizzare qualsiasi prodotto multimediale che in effetti e` costato MOLTO lavoro, tempo e tanti soldi per crearlo. le persone che confezionano un brano musicale sono tante. e tutte devono guadagnare per dar da mangiare alle proprie famiglie. e` come se un artigiano costruisse un mobile, comprando legno, colla e chiodi, ci mettesse 3 mesi per farlo e poi chiunque passasse davanti al suo negozio (affitto, luce, gas ecc....) potesse portarselo a casa gratis. dall`altra parte ci sono ste maledette majors e soprattutto istituzioni mafiose e malandrine come la siae che fanno lievitare i prezzi per lucrare in modo scandaloso .ma fino a quando un`artista per esempio madonna, guadagna milioni di euro per un cd e un ricercatore che lavora per 30 anni su una cura contro l`aids porta a casa 2500 euro al mese , ebbene, per bacco, scarichiamo e scarichiamo tutto, sempre e GRATIS.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 05:52 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.