Go Back   Forum > OT-Forum > Libertà Digitali

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


 
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
Prev Previous Post   Next Post Next
  #1  
Old 04-18-2007, 11:45 AM
staff staff is offline
Administrator
 
staff's Avatar
 

Join Date: Mar 2005
Posts: 6,510
staff is on a distinguished road
Exclamation Folena: Musica e Film basta con la repressione

Roma - L'attuale normativa sul diritto d'autore va modificata, la SIAE così com'è non va, e va riformata, e l'equo compenso va ridimensionato se non eliminato. Si potrebbero sintetizzare così alcune delle dichiarazioni del presidente della Commissione Cultura Pietro Folena che in una intervista a La Stampa spiega di aver proposto una riforma del diritto d'autore.

Folena, che si dice per una "depenalizzazione assoluta" del download di musica e film per uso personale (attività che già oggi peraltro non ricadono nel penale), ritiene che non vi sia un conflitto con la posizione di Rutelli che di recente si è detto favorevole a mantenere il penale per gli abusi via P2P, laddove per abusi si intende, evidentemente, la condivisione di opere protette, ossia la messa a disposizione e non il semplice download. "Qualche tempo fa - spiega - ad un convegno sui media digitali promosso dalla Sinistra Europea, abbiamo proposto un tavolo comune con gli operatori del settore per rivedere il diritto d'autore; Rutelli era presente, e si è detto disponibile a valutare la modifica di certe norme".

Il presidente della Commissione cultura, certo non nuovo ad interventi sul diritto d'autore, teme che se si mantiene una posizione risolutamente repressiva si aprano le porte a "controlli che violano in maniera gravissima la libertà personale. Istituzioni, banche e gruppi di interesse privati conoscerebbero nei minimi dettagli tutto ciò che facciamo, e sarebbe una violazione enorme della privacy".

Non risparmia neanche la SIAE, Folena, che non vorrebbe abolirla ma che andrebbe riformata nell'ottica di una nuova "nozione di proprietà intellettuale". "Se fosse per quella attuale - dice - non esisterebbe nemmeno la Bibbia. Il rischio di un eccesso di protezionismo è che venga meno la libera circolazione della cultura".

E, dopo aver dato una stoccata al cosiddetto equo compenso, il cui effetto finora "è stato far chiudere le aziende italiane che producono supporti vergini", Folena disegna quello che potrebbe essere il nuovo diritto d'autore.

"Immagino - spiega - due circuiti paralleli. Uno in cui l'autore invia la propria opera ad una sede istituzionale, per registrarla e tutelarne la paternità creativa in modo del tutto gratuito. Posso immaginare poi locali pubblici che non pagherebbero nulla alla Siae, perché vi si ascolterebbe solo musica gestita con licenze Creative Commons, quindi essenzialmente questi artisti. L'altro circuito passa invece per una Società degli Autori ed Editori riveduta e corretta, che potrebbe gestire il settore profit".

Fonte: Punto-Informatico
__________________
CoolStreaming on Iphone / Ipad / Android / Android Tablet
Install Now Click Here


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
 







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 01:13 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.