Go Back   Forum > OT-Forum > Libertà Digitali

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


 
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
Prev Previous Post   Next Post Next
  #1  
Old 06-24-2008, 08:49 AM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default Blog condannato per stampa clandestina - la chiusura del blog allarma la rete

Italia, blog condannato per stampa clandestina

Roma - Un blogger italiano è il primo ad essere condannato perché considerato alla stregua di stampa clandestina, perché pubblicato in barba alle normative sull'informazione, sanzionato in particolare perché la sua periodicità non è regolare. Lostorico Carlo Ruta, che cura quel blog apprezzato da molti, ha subito per questa ragione una condanna pecuniaria presso il Tribunale di Modica, lui che il suo blog AccadeinSicilia lo aveva già visto finire sull'orlo dell'oscuramento.

Un fatto inedito. Per la prima volta un blog subisce una sentenza di questo genere perché la sua pubblicazione, il blog appunto, non segue i canoni e i ritmi della stampa tradizionale. Una sentenza che fa discutere perché con un colpo solo associa legge sulla stampa e blog. La decisione dei magistrati, che non sembra proprio avere precedenti neppure in Europa, allarma gli osservatori.

Secondo Articolo 21, l'Associazione che si batte per la libertà di espressione, la decisione dei giudici crea grande incertezza. "Non siamo abituati a commentare le sentenze - ha dichiarato Giuseppe Giulietti esponente dell'associazione - ma non vogliamo che questa resti avvolta nell'ombra perché riguarda l'articolo 21 della Costituzione e la libertà della rete, in un momento tra l'altro particolarmente delicato per l'informazione, in cui si decreta il carcere per i giornalisti che pubblicano le intercettazioni che non rientrano in quelle consentite".

Una osservazione pubblicata sul blog di Franco Abruzzo, per molti anni tra i massimi dirigenti dell'Ordine dei Giornalisti, sottolinea come la registrazione presso un Tribunale di una pubblicazione web sia richiesta, tra le varie ragioni, anche quando "rispetta una particolare periodicità". "Si può sostenere legittimamente e ragionevolmente - si legge - che sono da registrare nei tribunali (con un direttore responsabile) tutte le libere manifestazioni del pensiero rivolte al pubblico e strutturate come giornale".

Se per comprendere appieno la portata della Sentenza è necessario attenderà la sua pubblicazione, c'è chi non intende aspettare. L'idea che un blogger possa o debba rispettare formule di pubblicazione che appartengono alla legge sulla stampa, ossia ad una normativa datata, aggiornata per accogliere le pubblicazioni registrate in Tribunale e quelle che aspirano a sovvenzioni pubbliche, appare così parados**** che c'è chi si chiede se le ragioni di una condanna di questo genere siano esclusivamente di tipo tecnico.

È lo stesso Ruta a suggerire altre strade. "Nel mio blog - ha affermato - io ho fatto ampie ricostruzioni, con una documentazione dettagliata e in parte inedita sul caso di Giovanni Spampinato, il giornalista, colaboratore dei quotidiani l'Ora e l'Unità che nel 1972, a soli 22 anni, fu ucciso a Ragusa mentre stava portando alla luce, in un'inchiesta su un delitto, un rilevante intreccio di affari e malavita...". "Solo in Cina e a Cuba questo è avvenuto - ha anche dichiarato Ruta - ed è per questo che ci attiveremo tra conferenze stampa ed altre azioni affinché tutti vengano a conoscenza di questa violazione della libertà di espressione. Perché questo rappresenterebbe un precedente molto grave".

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2321322

_____________________________________________


Carlo Ruta, la chiusura del blog allarma la rete

Roma - Il recentissimo sequestro del sito di Carlo Ruta ha suscitato viva emozione ed è stato analizzato dagli esperti, un sequestro che, tra gli altri, preoccupa anche due pilastri dei diritti nell'era digitale e due anime della Internet italiana, le storiche associazioni Metro Olografix e Peacelink, che ad una nota hanno affidato tutta la loro perplessità su quanto accaduto. Non a caso, proprio questo tema sarà al centro dell'atteso Metro Olografix Camp di Pescara.

"PeaceLink e Metro Olografix - si legge nella nota - esprimono la loro solidarietà con Carlo Ruta, condannato in primo grado dal tribunale di Modica per il reato di stampa clandestina. Va ricordato che la condanna di Ruta è conseguente alla pubblicazione sul sito www.accadeinsicilia.net - chiuso d'autorità nel 2004 - di documenti sull'assassinio del giornalista Giovanni Spampinato, ucciso a Ragusa nel 1972 a soli 22 anni mentre stava realizzando un'inchiesta su rilevanti intrecci tra economia, politica e mafia".

"Questa sentenza - continuano le due celebri associazioni - si aggiunge agli altri ostacoli incontrati da Ruta nella sua attività di informazione antimafiosa. Attività per la quale ha subito anche diversi attentati, di cui il più clamoroso è stato l'incendio dell'auto dove teneva le copie di un suo libro che l'indomani doveva essere distribuito dall'editore".

"Nel settembre 2005 Carlo Ruta, subito dopo l'oscuramento del suo sito - ricorda la nota - ha descritto le vicende giudiziarie culminate con l'attuale sentenza nel corso del convegno "Cyberfreedom", organizzato a Pescara dalle associazioni PeaceLink e Metro Olografix per denunciare vari casi di limitazione del diritto costituzionale alla libera espressione del pensiero.
La testimonianza di Ruta sul prezzo pagato per ricordare chi combatte la mafia è tuttora presente all'indirizzo http://cyberfreedom.olografix.org/ che raccoglie gli atti del convegno.
In questi anni Carlo Ruta ha documentato con lucidità e competenza tante vicende della Sicilia, spesso ambigue e oscure, esponendosi a rischi importanti per questo insostituibile lavoro di memoria storica e giornalistica".

Nella nota, le due associazioni fanno anche riferimento a quella legge sull'editoria, la 62 del 2001, che i lettori di Punto Informatico conoscono a menadito e che anche dopo le tardive modifiche richieste a furor di popolo rimane un problema di prima grandezza. "Già nel 2001 - scrivono infatti - le associazioni PeaceLink e Metro Olografix avevano duramente contestato l'ambigua legge sull'editoria che ha genericamente esteso l'obbligo di registrazione delle testate a non meglio specificati prodotti editoriali, lasciando ai giudici l'onere di decidere in base a criteri soggettivi cosa rientra in questa categoria e può essere pertanto sanzionato".

"Oggi - sottolineano Peacelink e Metro Olografix - gli effetti nefasti di quel provvedimento legislativo ricadono su Carlo Ruta, ma domani potrebbero colpire chiunque. Secondo i rilevamenti della stessa Polizia Postale, il sito di Carlo Ruta veniva aggiornato senza alcuna periodicità. Così come già evidenziato da molti dovrebbe essere quindi assimilato ad un blog. Dobbiamo quindi concludere che tutti i blogger italiani sono a rischio? Chiunque aggiorna un qualsiasi sito può arbitrariamente essere arrestato e condannato?"

"I rappresentanti di PeaceLink e Metro Olografix, convinti che l'attività di Ruta non sia etichettabile come Stampa Clandestina, ma sia al contrario una meritevole opera di volontariato per preservare la memoria storica della lotta alla mafia, esprimono la loro piena solidarietà a Carlo Ruta".

http://punto-informatico.it/2330045...-la-rete/p.aspx


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
 







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 07:17 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.