Go Back   Forum > OT-Forum > Libertà Digitali

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 01-19-2008, 01:33 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default Time Warner, la rete si paga a bit

Time Warner, la rete si paga a bit

Di Alessandra Carboni

C'è chi la banda la stringe e chi la vende più cara. Time Warner Cable ha in progetto un piano di differenziazione dei prezzi delle connessioni in base ai bit scaricati.

Proprio qualche giorno fa leggevamo della denuncia presentata dall'Aduc all'Antitrust nei confronti di Tele2. L'accusa mossa all'operatore è di non informare i suoi clienti dei limiti a cui è sottoposta la loro attività online relativamente al traffico sui network peer-to-peer, e di affermare al contrario che le sue offerte Adsl non pongono limitazione alcuna. Secondo quanto lamentato dagli utenti, infatti, Tele2 limita di fatto la banda destinata al download, sostenendo che in questo modo è in grado di garantire la qualità del suo servizio.

Ma Tele2 non è il solo gestore di rete nostrano ad agire in questo modo – a quanto pare anche le connessioni Wind hanno il limitatore – e all'estero la limitazione e il rallentamento della banda corrispondono anche alla necessità di scoraggiare lo scambio (illegale) di materiali protetti da diritto d'autore.

Tuttavia, il gigante statunitense Time Warner Cable ha annunciato di avere in programma la sperimentazione di una nuova soluzione, alternativa a quella del limitatore, che (in teoria) dovrebbe tradursi anche in un discreto ritorno economico.

L'idea di Time Warner è di far pagare gli utenti in base alla quantità di dati che scaricano. In questo modo, quindi, una parte dei grandi utilizzatori di banda (ovvero coloro che usano la propria connessione prevalentemente per scaricare file) potrebbe decidere di ridurre l'attività nei siti p2p per non dover pagare di più, mentre altri sarebbero probabilmente disposti a corrispondere un prezzo maggiore per avere più banda a disposizione.

Una scelta, questa di Time Warner, che però potrebbe tradursi in una perdita di utenti: non stupirebbe infatti se in molti pensassero di passare ad altri gestori, o se tale politica finisse col fungere da deterrente, scoraggiando i possibili nuovi consumatori che invece dovrebbe attrarre.

Entro l'anno Time Warner avvierà un primo test del nuovo sistema con gli utenti di Beaumont, Texas, in modo da valutare se effettivamente consente un migliore controllo dell'uso della banda e una maggiore redditività.

Fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 08:08 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.