Go Back   Forum > OT-Forum > OT - Forum

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 03-03-2006, 07:44 PM
sgt. pepper sgt. pepper is offline
Moderator
 
sgt. pepper's Avatar
 

Join Date: Mar 2005
Location: Abbey Road
Posts: 776
sgt. pepper is on a distinguished road
Default Microsoft, assalto a Google - "In sei mesi un super motore"

da Repubblica.it - 03/03/06
articolo di Francesco Caccavella

Microsoft ha deciso di entrare senza troppi complimenti nel nuovo Eldorado della net economy: i motori di ricerca e i loro sponsor. Lo fa preparandosi ad una grande sfida: entro sei mesi Microsoft lancerà una nuova versione del suo motore di ricerca che sarà "due volte migliore" di Google. A dichiararlo è stato Neil Holloway, potente presidente di Microsoft nell'area europea e mediorientale in una conferenza ospitata a Parigi da Reuters qualche giorno fa.
Due volte migliore significa non due volte più grande, ma "due volte più utile". Il nuovo motore di ricerca offrirà risultati più pertinenti e migliori strumenti di ricerca per gli utenti. Non sarà integrato in Windows Vista, il successore di Windows Xp previsto per fine anno, ma in alcuni altri servizi e software come Hotmail o Windows Messenger. Entro sei mesi sarà pronto negli Usa e in Inghilterra per poi raggiungere anche il resto d'Europa.
Nulla è stato spiecificato riguardo alla tecnologia di questo motore. Holloway ha dichiarato che il nuovo servizio andrà oltre la semplice ricerca di collegamenti pertinenti per concentrarsi sulle informazioni specifiche cercate da ogni utente: "Nei motori di oggi ciò che un utente ottiene è una lista di link e gli studi ci dicono che nel 50 per cento dei casi non si ottiene quello che si cerca".
Ciò a cui guarda Microsoft può essere raggiunto solo con ricerche personalizzate, integrando la ricerca con informazioni derivate da altri strumenti. Forse a questo proposito lo scorso 15 febbraio, l'azienda ha presentato all'ufficio brevetti americano una richiesta di brevetto classificata con il termine Relerank che coprirebbe l'uso di un "software per organizzare, visualizzare e gestire i risultati prodotti da un motore di ricerca". Microsoft, insomma, sta brevettando un algoritmo di ricerca.
Ma c'è di più. Thomas Hawk, lo pseudonimo di un noto blogger californiano, ha fatto notare come Relerank sia un termine molto simile a RelevancyRank, il nome di una tecnologia per motori di ricerca sviluppata da Claria, un tempo chiamata Gator, produttrice di software di monitoraggio dei comportamenti di navigazione spesso entrata nel mirino dei difensori della privacy sulla rete. Claria, come rivelò il New York Times lo scorso giugno, è in odore di acquisizione da parte di Microsoft.
La partita è comunque aperta. Microsoft ha investito cento milioni di dollari nel settore delle ricerche sul web, orientando le acquisizioni e le ricerche verso il campo delle ricerche su pc e su dispositivi mobili. Lo scorso febbraio ha acquisito di MotionBridge, un'azienda francese specializzata nell'ottimizzazione delle ricerche su cellulari e smartphone.
Che il nuovo strumento di Microsoft punti molto sull'integrazione di diversi dispositivi di accesso alla rete è anche confermato dalla recente integrazione di Msn Search, il punto di accesso delle ricerche made in Redmond, all'interno dell'iniziativa Live, lanciata lo scorso anno e che prevede una maggiore portabilità e personalizzazione della navigazione.
Che sia Relerank o altro, nel mirino c'è il Pagerank di Google, il sistema di classificazione di siti web che l'azienda di Mountain View conserva gelosamente e che le ha permesso, anni orsono, di diventare il gigante che è oggi. Un gigante, tuttavia, che sembra avere sempre più le gambe di argilla. Martedì il titolo ha subito l'ennesimo crollo verticale in Borsa bruciando in poche ore 8 miliardi di dollari, perdendo il 7 per cento del capitale e gettando ombre sul futuro.
A rischio c'è il mercato della pubblicità sul web che, secondo gli analisti, non potrebbe continuare a sostenere i ritmi folli di crescita del motore. I principali motori di ricerca stanno affilando le armi. Non solo Msn, il motore di Microsoft, ma anche Yahoo!.
Le ultime rilevazioni di Nielsen-NetRatings per il mercato americano certificano una continua crescita delle ricerche degli utenti: da 4 miliardi circa di ricerche di gennaio 2005 si è passati alle quasi 5 miliardi e 700 milioni di gennaio 2006. Google è sempre il primo del mercato con uno share del 48,2 per cento, seguito da Yahoo! al 22,2 per cento e, in ultimo, da Msn di Microsoft all'11 per cento. Msn, tra l'altro, è l'unico motore che ha perso quote di mercato: quasi il 2 per cento. Un dato che, forse, ha scosso i vertici di Redmond. E li ha spinti a rilanciare con forza.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 08:33 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.