Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 06-09-2007, 01:10 AM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default «Paris deve tornare in carcere» Il giudice ascolta la rabbia Usa

Cancellati i domiciliari, una decisione che aveva scatenato un'ondata di protesta. La Hilton ha reagito alla sentenza urlando, in lacrime: "Non è giusto". E rivolgendosi alla madre, presente in aula, con un patetico "mamma, mamma!".




FOTO


Il giudice ascolta la rabbia Usa, lei esce dal tribunale in lacrime, gridando

«Paris deve tornare in carcere»

Ordinata una nuova udienza per decidere la sorte della star dopo l’ondata di proteste scoppiate dopo la sua scarcerazione anticipata



NEW YORK – Alla fine lo sdegno corale dell’America ha prevalso: Paris Hilton torna in carcere. Così ha deciso il giudice della Corte Suprema statale di Los Angeles Michael T. Sauer, sull’onda delle proteste scoppiate in America dopo la scarcerazione anticipata della star per imprecisati motivi di salute.


PARIS IN LACRIME - L'ereditiera più famosa del mondo aveva scontato appena tre giorni sui 45 previsti dalla pena. Ma la sua libertà è durata meno di 24 ore. La revoca degli arresti domiciliari ha sconvolto la Hilton che è uscita dal tribunale in lacrime, gridando «mamma mamma». Lei che in un primo tempo aveva fatto sapere che non si sarebbe nemmeno presentata davanti al tribunale e voleva rispondere alle domande in teleconferenza. Una scelta che aveva fatto arrabbiare il magistrato competente, che le ha ordinato di presentarsi in aula.

CONDANNATA - La scarcerazione avvenuta su iniziativa dell'ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles aveva scatenato le ire del procuratore Rocky Delgadillo: «La legge è stata scavalcata in maniera eclatante» aveva denunciato il pubblico ministero. Lo scorso maggio la Hilton era stata condannata per aver guidato senza patente e in stato di ebbrezza, sia nel settembre 2006 sia nel gennaio di quest’anno. Il magistrato non riteneva di dover mostrare alcuna clemenza verso la Hilton che, nostante la sospensione della patente, aveva continuato a guidare sotto i flash dei paparazzi, fino al suo ultimo arresto.

SDEGNO - E così, dopo essere stata scarcerata con tre settimane di anticipo sul previsto per ordine dello sceriffo Lee Baca, la Hilton oggi è tornata in tribunale a Los Angeles, scortata da un'auto della polizia, per un'udienza in cui è stato stabilito che deve tornare nella prigione della contea di Lynwood. «Quello che è successo è scandaloso» punta il dito Don Knabe, supervisore della contea di Los Angeles. Nel dibattito sono intervenuti anche i media. «Sbattetela di nuovo dentro», titolava venerdì in prima pagina e a caratteri cubitali il popolare quotidiano newyorchese Daily News. «Questo caso - ha tuonato l’attivista del diritti civili Al Sharpton - dimostra in maniera inequivocabile che i neri e i poveri hanno ragione quando parlano di favoritismo economico e razziale del sistema giudiziario Usa».

PROTESTE - Neppure le voci secondo cui la Paris sarebbe stata fatta uscire prima perché a rischio di suicidio hanno convinto i detrattori. «Nello stesso carcere di sono centinaia di detenuti con gravissimi problemi di salute che non potranno andare a casa», punta il dito Najee Ali, portavoce del Project Islamic Hope. A molti non è andato a genio che la sua pena sia stata ridotta da 45 a 23 giorni per «buona condotta». «La riprova - avevano protestato noti editorialisti - del doppio binario del sistema giudiziario Usa». «Potevo andare in una cella a pagamento ma ho rinunciato all'offerta, perché so in quale modo i media ne avrebbero parlato» aveva ribattuto lei, vantandosi di non essere una viziata alla Zsa Zsa Gabor, che nel 1990 scontò tre giorni nell’esclusivo carcere di El Segundo, - 85 dollari al giorno - per aver picchiato un poliziotto.

corriere.it
repubblica.it

Last edited by breunzo : 06-09-2007 at 01:12 AM.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 06-09-2007, 11:45 AM
nacus nacus is offline
Senior Member
 
nacus's Avatar
 

Join Date: Jun 2006
Location: Italia
Posts: 3,638
nacus is on a distinguished road
Send a message via MSN to nacus Send a message via Yahoo to nacus
Default

pigli e porta casa...ops, in cella!!!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 06-09-2007, 12:02 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default

allora esiste ancora la giustizia?!!

che stia un pò al fresco che tanto fuori c'è caldo


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #4  
Old 06-09-2007, 12:17 PM
corso corso is offline
Senior Member
 
corso's Avatar
 

Join Date: Jan 2007
Location: RIO DE JANEIRO
Posts: 2,547
corso is on a distinguished road
Default

ma a noi che ce ne frega???????????


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #5  
Old 06-09-2007, 12:30 PM
sivori87 sivori87 is offline
Senior Member
 
sivori87's Avatar
 

Join Date: Aug 2005
Posts: 406
sivori87 is on a distinguished road
Default

infatti...ma che ce ne fotte a noi!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 02:08 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.