Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 07-24-2007, 07:45 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Telecom e dintorni

Telecom Italia resta l'operatore dominante nella telefonia fissa, per questo la separazione della rete va fatta, entro l'anno, nell'interesse di tutti. Il presidente dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Corrado Calabrò, nella relazione annuale al Parlamento fa il punto della situazione sul versante che più interessa il mercato, ma non manca di puntare il faro anche sul calo dei prezzi (2 miliardi di risparmi per le famiglie nel 2007), sulla banda larga che segna il passo, sullo sviluppo della telefonia mobile e sugli investimenti necessari per le reti di nuova generazione, prefigurando remunerazioni per gli investimenti di tutti gli operatori.

SEPARARE RETE TELECOM PER INTERESSE GENERALE. L'ex monopolista, argomenta Calabrò davanti nella Sala della Lupa di Montecitorio dove siede anche il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, resta l'operatore dominante in tutti i mercati della rete fissa: è vero che la quota di mercato complessiva continua lentamente a scendere, ma resta ben sopra al 70% della spesa degli utenti. Il rimedio più efficace, individuato dall'Autorità dopo una lunga riflessione, è quello della separazione funzionale della rete, "che è nell'interesse di tutti gli operatori e della stessa Telecom. Quel che importa di più, è nell'interesse generale". Un obiettivo che deve essere raggiunto "entro l'anno" attraverso un dialogo da attivare "con tutti, Telecom in primis". Dialogo a cui, risponde a stretto giro l'ad del gruppo telefonico Riccardo Ruggiero, Telecom è sempre "disponibile", anche se "é un processo che richiede i suoi tempi". In ogni caso, osserva Ruggiero, non si può dire, come ha fatto Calabrò, che il cambio dell'assetto azionario possa rallentare il processo, perché "abbiamo parlato con l'Autorità anche quando l'assetto azionario non era definito".

BANDA LARGA SEGNA IL PASSO, FAVORIRE INVESTIMENTI. La separazione della rete d'accesso, tuttavia, non è il solo fronte sul quale impegnarsi. Calabrò lancia infatti l'allarme banda larga, che dopo anni di crescita comincia a segnare il passo con una diffusione (14,5%) inferiore media sia dell'Ue-15 (18,7%) che Ue-27 (16,2%): anche qui la quota di Telecom risulta superiore al 50% e i prezzi non sono in linea con quelli europei. A pesare sono la scarsa informatizzazione delle famiglie e la quasi completa assenza di infrastrutture alternative alla rete in rame dell'ex monopolista. Per evitare che questa situazione si trasformi in un vero e proprio handicap per il Paese, l'Autorità sollecita il sistema a investire nelle reti di nuova generazione e annuncia che "la strategia" sarà quella di "stabilire una remunerazione premiale degli investimenti di tutti gli operatori". Per questo l'Autorità sta valutando "la possibilità di favorire gli investment pools, cioé la possibilità che più operatori si associno per coordinare gli investimenti nelle reti Ngn". Musica per le orecchie degli alternativi, che nel 2006 hanno segnato il passo proprio sul fronte degli investimenti, con l'apprezzamento di Stefano Parisi (Fastweb) e Andrea Filippetti (Tele2).

CON CALO PREZZI 2 MLD RISPARMI, DISSERVIZI PROBLEMA SOCIALE. Nel primo semestre del 2007, sottolinea Calabrò, le tariffe dei servizi di tlc "anche a seguito di interventi legislativi (per esempio il taglio dei costi di ricarica, ndr), sono ulteriormente calate di circa l'8%, con un risparmio su base annua stimabile in un ammontare prossimo ai due miliardi di euro". Un elemento di grande soddisfazione per i consumatori, che però si trovano ad affrontare un "primario problema sociale", quello dei guasti, dei servizi non richiesti, dei disservizi, su cui l'Autorità promette il massimo impegno ottenendo il plauso delle associazioni dei consumatori.

TELEFONIA MOBILE LIBERALIZZATA, PRIMI UE IN UMTS. Oggi l'Italia, in particolare nella telefonia mobile, "é uno dei mercati più liberalizzati d'Europa", che accoglie gruppi di ogni nazionalità. Siamo inoltre i primi come numero di utenze mobili di terza generazione (17 milioni di utenti Umts) e il secondo al mondo dopo il Giappone. Tale primato, riferisce Calabrò, fa il paio con la diffusione dei servizi di televisione in mobilità. Positivi anche i dati sulla portabilità del numero, con 12 milioni di persone che hanno cambiato gestore: operazione per la quale l'Autorità promette di tagliare i tempi d'attesa.

ansa.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 09:44 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.