Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-06-2007, 01:24 AM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default I costi della politica della Regione

Il rapporto consiglieri-abitanti è in Umbria nella media italiana; le retribuzioni sono tra le più basse d'Italia. (in allegato tutti i dati analitici)

In tema di costi della politica, c’è da registrare il commento soddisfatto del Presidente del Consiglio Regionale dell’Umbria, ai dati diffusi dalla Conferenza nazionale delle Assemblee legislative. Con orgoglio Mauro Tippolotti rivendica che “le indennità mensili percepite dai consiglieri regionali dell'Umbria, pari a 6.597 euro netti, e quella dei presidenti di Consiglio e Giunta, 7.102 euro netti, sono le più basse tra tutte le venti Regioni italiane, senza contare che la cifra reale si abbassa ulteriormente per l'incidenza delle addizionali Irpef".
Cifra identica percepiscono anche coloro che ricoprono il ruolo di presidente e vicepresidente di commissione o di capogruppo, mentre in altre 18 regioni italiane “i vertici” percepiscono somme aggiuntive. Significativo anche il dato relativo alla percentuale del bilancio annuale (20 milioni 126 mila 783 euro) dedicata al personale in servizio presso i gruppi consiliari, che con il 3,52% è la più bassa dopo quella della Calabria (0,67%).
L’Umbria è poi all’11° posto della classifica fra le regioni, con il 2,91%, per la quota di bilancio per il funzionamento dei gruppi. A metà classifica anche per quanto riguarda il rapporto abitanti/consiglieri regionali dell’Umbria, che, con i suoi 30 eletti, fa registrare in media 28 mila 929 cittadini per ogni consigliere. Ovviamente tale ultimo dato non tiene conto dell’aumento dei consiglieri previsto dallo statuto, che farebbe schizzare - ove non ci sia un ripensamento - l’Umbria in coda al gruppo.
Alla luce,anche, dei dati di attività dell’assemblea, per Tippolotti “l'Umbria appare come una delle regioni più virtuose per ciò che riguarda sia la spesa che la funzionalità dell'Assemblea.”

Fonte e dati analitici


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 08-06-2007, 04:12 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default

Costi della politica: all'assessore 11 mila euro al mese Stipendi della Giunta, il governatore arriva a 14 mila

Undicimila euro netti al mese: questo lo stipendio medio di un assessore della Giunta regionale. Mentre il presidente, secondo nella speciale classifica nazionale dei governatori regionali, guadagna poco più di 14 mila euro, netti, per quattordici mensilità. Il viaggio dentro i costi della politica arriva in viale Trento, sede della Giunta, e tocca i vertici degli assessorati. L'autista e uno staff di sette persone fra i privilegi concessi agli assessori, mentre è ben più corposo l'ufficio del capo dell'esecutivo. Nel confronto con i rappresentanti del parlamento regionali, gli assessori perdono qualche migliaio di euro, ma certamente non possono lamentarsi.

I consiglieri regionali possono sorridere e guardare dall'alto in basso i poveri assessori. Seppure lo staff di Renato Soru se la passi abbastanza bene, con una busta paga di oltre 11 mila euro al mese, lo scalino che divide la retribuzione fra gli eletti dal popolo e gli eletti dal governatore è alto circa 5 mila euro. Al mese, si intende, e la cifra è netta, a favore dei consiglieri. E quando l'assessore è politico, nel senso che è espressione di un partito, arriva la mannaia della quota - fissa - da devolvere al partito. Regola che non valeva per Gianvalerio Sanna e ora per Eliseo Secci (la Margherita non pretende, ma non finanzia la campagna eletto.rale), mentre Massimo Dadea, e fino a un anno fa Tonino Dessì, targati Ds, in base ad accordi interni girano alla Quercia 2.325 euro al mese. Più forte, numeri alla mano, la trattenuta imposta dal partito della Rifondazione comunista: il 55 per cento della busta paga che ritirava Maddalena ****rno e oggi Romina Congera va al partito, regola che vale per qualsiasi altro emolumento. Rispetto ai consiglieri regionali, gli assessori non hanno i contributi previdenziali pagati e non possono contare sulle tre mensilità straordinarie concesse in via Roma, seppure la busta paga arrivi quattordici volte in un anno. Ma hanno - vedremo - la possibilità di crearsi un robusto staff personale. Autista compreso con auto blu al seguito.

IL PRESIDENTE. Il capo della Giunta regionale guadagna di più, forte dell'indennità di consigliere regionale. La busta paga di Renato Soru "pesa" 14.644 euro, cifra netta, e nella speciale classifica fra i presidenti di Regione il nostro si piazza al secondo posto, dietro l'inarrivabile Nichi Vendola - governatore della Puglia - che si becca quasi 19 mila euro al mese. Seppure la metà va al partito, non è certo un brutto vivere.

I DETTAGLI. Lo stipendio base di un assessore regionale è di 2.902 euro. L'indennità consiliare è di poco maggiore a quella dei consiglieri - 9.605 euro - poi c'è la diaria, 4.000 euro, alla quale si aggiungono indennità varie per circa 600 euro. Su uno stipendio lordo di quasi 18 mila euro, le trattenute superano di poco il 40 per cento, toccando quota 6700: un assessore della giunta guidata da Soru si porta a casa, al netto delle imposte, poco più di 11 mila euro al mese.

I PRIVILEGI. Il presidente della Giunta può contare su uno staff dal numero non definito: ci sono il capo ufficio stampa e i suoi collaboratori, l'ufficio di Gabinetto è composto da nove persone, un solo dirigente è inquadrato nella squadra del governatore. Diversa è la situazione che regna negli assessorati: l'ufficio di Gabinetto di ogni assessore può contare al massimo su un capo dell'ufficio, un segretario particolare e un consulente. Tre funzionari, ai quali si possono aggiungere due addetti di segreteria e due addetti all'ufficio di gabinetto. Le nomina può deciderle direttamente l'assessore di turno, pescando all'esterno dell'amministrazione solo per i primi tre incarichi. I quattro addetti, invece, devono arrivare dalla Regione o - ma questo accade raramente - essere comandati da altri enti regionali. Se la presidenza può decidere autonomamente sulle convenzioni - tema che non ha mancato di scatenare apsre polemiche in questa legislatura fra maggioranza e opposizione - gli assessorati non possono nominare consulenti estranei al proprio staff. C'è chi ha preferito lasciare, tre assessori uno dopo l'altro, o chi si è imposto cinque anni di fedeltà al governatore. La dura - e dorata - vita dell'assessore.
ENRICO PILIA

Fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 08-10-2007, 03:53 AM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default

COSTI POLITICA:VICARI (FI),DDL PER TAGLI STIPENDI DEPUTATI ARS

(AGI) - Palermo, 7 ago. - La parlamentare regionale di Forza Italia all’Ars, Simona Vicari ha presentato stamani un disegno di legge per tagliare gli emolumenti dei 90 deputati regionali. “Non si puo’ parlare di ridurre gli stipendi a sindaci ed amministratori - afferma Simona Vicari - senza prima affrontare il problema dei costi della politica in casa nostra”. Il ddl Vicari modifica la legge regionale del 30 dicembre del 1965 (n.44) sulle indennita’ dei deputati regionali, consentendo il recepimento in Sicilia delle disposizioni contenuti nella finanziaria nazionale del 2005, che riduceva del 10 per cento gli emolumenti per i membri di Camera e Senato. “Una rideterminazione degli stipendi - spiega l’on. Vicari - applicata anche ai parlamentari europei ma sino ad oggi sconosciuta nella nostra Regione. L’approvazione di questo disegno di legge - aggiunge la Vicari - ci potra’ dare quella legittimazione per affrontare in un secondo tempo il gravissimo tema dei costi della politica parlando anche delle indennita’ degli amministratori locali”. (AGI)
Rap

Fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 07:30 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.