Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-06-2007, 09:26 PM
romans romans is offline
Senior Member
 
romans's Avatar
 

Join Date: Jan 2006
Location: Roma
Posts: 2,461
romans is on a distinguished road
Default La strategia delle pipelines

Quella che vedete nell’immagine non è la rampa di lancio di un missile con testate atomiche, ma la struttura esterna di un pozzo di trivellazione di gas naturale nell’Isola di Sakhalin, nell’estrema Russia orientale. Quello che 50 anni fa era la potenza atomica, oggi lo sta diventando il possesso e il controllo delle risorse energetiche.

Una volta individuati tutti i maggiori giacimenti di petrolio, che rendono i paesi del Golfo Persico e il Venezuela le regine indiscusse del mercato, si sta delineando una nuova mappa degli equilibri mondiali, determinata dalle nuove sorgenti di gas naturale e dai percorsi dei gasdotti che collegano queste sorgenti ai porti di destinazione.

E di ieri la notizia del ricatto, sfacciato e plateale, della Bielorussia da parte della Russia, che ha obbligato la sua ex-provincia a pagare per intero i conti arretrati del gas - 460 milioni di dollari in contanti - a rischio di vedersi chiudere i rubinetti con l’inverno in arrivo.

Insieme alla Bielorussia, anche Georgia e Ucraina accusano i russi di praticare prezzi da strozzinaggio, ma Mosca risponde che quelli sono i prezzi di mercato, e che è semplicemente finita la manna del sussidio centralizzato dei tempi dell’Unione Sovietica. Come dire, “avete voluto giocare a fare gli occidentali? Ora pagatene le conseguenze, e adeguatevi alle dure leggi di mercato”.

Ma il vero perno dei nuovi equilibri mondiali si è spostato da qualche tempo in Estremo Oriente. Con Giappone e Corea che consumano quasi il 50% del gas naturale nel mondo, e con la Cina che li segue da vicino, la battaglia per portare il gas a quei paesi è ormai a tutto campo, ...

... e a farla da padroni sono sempre i russi: sono loro infatti che controllano il mega-progetto Sakhalin-1 e Sakhalin-2, destinato a produrre nei prossimi anni qualche miliardo di metri cubici di gas.

L’isola russa di Sakhalin, situata a nord del Giappone, sta subendo una trasformazione radicale nelle infrastrutture, mentre nuove tecnologie ERD (“multi-condotto”) scavano il sottosuolo a poche miglia dalla costa.



L’operazione è un progetto congiunto Gazprom e Mobil-Exxon (russi e americani), con partecipazione degli indiani e dei giapponesi, ma sono naturalmente i russi ad avere il coltello dalla parte del manico. E proprio di recente questi ultimi hanno annunciato che “purtroppo non potremo vendere il gas di Sakhalin alla Cina, come previsto negli accordi con la Exxon, perchè rischiamo di lasciare a corto di combustibile le nostre lontane province orientali.”

La Siberia, che una volta era considerata il castigo dei dannati, diventa improvvisamente una regione da coccolare e da tenere al caldo tutto l’anno.

Gli americani per ora abbozzano, visto che nel frattempo stanno portando avanti il famoso gasdotto dal Caspio all’Oceano Indiano, via Afghanistan, che gli permetterà di imbarcare il gas dalle coste pakistane per venderlo sui mercati orientali.

Chi resta a secco è quindi la Cina, che inizialmente doveva essere attraversata dal gasdotto originante nel Caspio, ma che è stata aggirata via Afghanistan-Pakistan grazie al provvidenziale “cambio di regime” di Kabul, dovuto all’altrettanto provvidenziale follia di Osama bin Laden.

Come vediamo, si torna sempre al punto di partenza: l’undici settembre, e le conseguenze di portata incommensurabile che sta avendo sulle sorti del mondo la colos**** bugia che ci viene raccontata da quel giorno.

Massimo Mazzucco



In alto a destra, l’isola di Sakhalin. In rosso, il gasdotto attraverso la Cina che non è mai stato costruito, grazie al nuovo percorso via Afghanistan (in verde) che permette ora di aggirarla. (Dal film "La Verità di Cristallo", in preparazione).

Il sito del progetto Sakhalin

Articolo BBC: Gazprom hope for Belarus gas deal.

VEDI ANCHE: La vera partita si gioca lungo i tubi, un articolo sulla BTC, la pipeline Baku-Tblisi-Ceyhan, la cui inaugurazione è passata nel totale silenzio mediatico.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 08-06-2007, 10:23 PM
stefano.vitali84 stefano.vitali84 is offline
Senior Member
 

Join Date: Sep 2006
Location: Italy
Posts: 514
stefano.vitali84 is on a distinguished road
Thumbs up

bellissimo post, romans...ma soprattutto angosciante; qualcosa mi era arrivato all'orecchio (michael moore? ) a proposito di gasdotti via Afghanistan: questa è la conferma.

Last edited by stefano.vitali84 : 08-06-2007 at 10:43 PM.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 08-06-2007, 10:55 PM
cicciototti cicciototti is offline
Senior Member
 
cicciototti's Avatar
 

Join Date: Aug 2005
Posts: 371
cicciototti is on a distinguished road
Thumbs up

complimento romans!
sei sempre da quotare


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #4  
Old 08-09-2007, 07:35 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Ottimo posto ma quasto non esime da responsabilità anche i paesi ricattabili. E' ora di fare rigssificatori e di pensare fonti alternative come eolico,fotovolataico ma anche biocombustibili.
Bisogna anche investire di più sullo stidio dei materiale per concepire componenti elettrici,elttronici,termici ecc. capaci di rendere di più consumendo meno energia.
Bisogna inoltre puntare di brutto sull'isolamanto termico di tutti gli edifici per risparmialre quelll'80% di carburante il cui calore si dissipa nell'ambiente attraverso le pareti.
Sarebbe ora di investire di più su Tram.filobus e ferrovie invece che su gomma e di cominciare a pensare a seri motori ibridi o a olio di colza!
Su questi temi i paesi energetico-dipendenti-ricattabili come l'Italia dovrebbero fare di più e invece hanno fatto pochissimo.
Per la cronaca il metano si può fare anche con gli scarafaggi!

Last edited by Malcom1875 : 08-09-2007 at 07:57 PM.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 04:57 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.