Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


 
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
Prev Previous Post   Next Post Next
  #1  
Old 08-17-2007, 02:25 PM
travis bickle travis bickle is offline
Senior Member
 

Join Date: Jan 2007
Location: Roma
Posts: 2,761
travis bickle is on a distinguished road
Send a message via MSN to travis bickle Send a message via Yahoo to travis bickle
Default Bossi,sciopero fiscale per mandare via Prodi

A distanza di 14 anni, Umberto Bossi rilancia «lo sciopero fiscale», perché «la gente vuol mandare via Prodi» e allora «bisogna trovare qualcosa di forte». Nella notte ferragostana di Ponte di Legno, dopo aver ricevuto l'abbraccio dei militanti che avevano gremito il palazzetto dello sport più per vedere lui che non le partecipanti alla selezione di Miss Padania, il leader della Lega Nord, a domanda su cosa succederà in autunno, ha replicato, convinto: «Facciamo lo sciopero fiscale». Non si pagano più le tasse? «Paghiamo alle Regioni invece che allo Stato». L'iniziativa nasce dalla Lega ma Bossi spera «che sia una iniziativa di tutti gli alleati perché se no questo governo va avanti all'infinito».
NIENTE VACANZE - Non ne ha parlato con Berlusconi («Ci siamo sentiti due giorni fa ma abbiamo parlato solo di scrivere il programma eletto.rale») mentre su quel che ne può pensare un esperto come Giulio Tremonti, ha commentato: «I ministri del Tesoro vanno cauti, non sono come noi che veniamo dal popolo. La gente, però, vuol mandare via Prodi. Bisogna trovare qualcosa di forte». E allora «Genova, Milano, Torino, partirà lo sciopero fiscale, la ribellione fiscale». La gente fatica a ottenere qualcosa, sostiene il senatùr, che prende spunto dal periodo delle vacanze per sottolineare che «c'e un sacco di gente che è rimasta a casa perché non ha i soldi per andare in ferie». Sui tempi della «ribellione», il segretario federale della Lega è più cauto. E così a chi ipotizza una data (1 settembre), ha replicato: «Non lo so, devo ancora mettermi d'accordo». Lo sciopero fiscale, che in questo caso sarebbe più che altro un federalismo fiscale, è una vecchia idea del Carroccio: ne parlò per primo Gianfranco Miglio nel 1992, poi Bossi la lanciò da Pontida nel luglio '93. E adesso un nuovo rilancio.
CICCHITTO - La proposta di Bossi è stata accolta da un'ondata di reazioni negative dal centrosinistra ma anche da molti esponenti del centrodestra. Per Fabrizio Cicchitto, vice coordinatore di Forza Italia, è necessaria «una intesa della Cdl per far cadere il governo Prodi», senza offrirgli «né alibi né tregue». «È certamente decisivo porre l'obiettivo della riduzione della pressione fiscale perché questo governo, usando in modo irresponsabile la leva fiscale, sta soffocando la crescita e provoca una reazione di rigetto da parte dei cittadini. Un obiettivo del genere va realizzato intervenendo sulle curve dell'Irpef e facendo decollare il federalismo fiscale». «Mi pare una follia - ha detto il presidente dell'Udc, Rocco Buttiglione -. Proporre lo sciopero fiscale è come dire che vogliamo la dissoluzione dello Stato. Come fa lo Stato a pagare i poliziotti che ci devono difendere dai criminali? Come fa a pagare le Forze armate che ci devono difendere dai terroristi? Non si pagano più stipendi e non si pagano più pensioni. Una cosa del genere non può essere presa sul serio».
ALEMANNO - L'ex ministro di An Gianni Alemanno l'ha definita una «proposta irricevibile». L'economista ed europarlamentare Renato Brunetta legge nella provocazione di Bossi, che ha proposto di pagare le tasse alle Regioni anziché allo Stato centrale, un modo per chiedere che in Finanziaria «ci sia un grande impegno per il federalismo fiscale». Daniele Capezzone parla di «criminalizzazione» del senatùr: «Non ci sto a lapidarlo. La secessione fiscale la fa Visco». E su Valentino Rossi: «La politica dovrebbe farsi delle domande: perché una serie di persone con redditi elevati va via dall'Italia?». Dal centrosinistra si levano solo voci critiche. Per l'Udeur lo sciopero fiscale è «antidemocratico», Paolo Cento dei Verdi parla di «proposta indecente». Antonio Di Pietro: «Incitare allo sciopero fiscale è una proposta insana».
fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
 







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 04:50 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.