Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


 
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
Prev Previous Post   Next Post Next
  #1  
Old 09-15-2007, 10:54 AM
ABNormal ABNormal is offline
Administrator
 
ABNormal's Avatar
 

Join Date: May 2005
Posts: 4,002
ABNormal is on a distinguished road
Send a message via ICQ to ABNormal Send a message via MSN to ABNormal Send a message via Yahoo to ABNormal
Default Caso Europa7

dal www.articolo21.info
Una vicenda esemplare che piomba nel silenzio assordante della stampa italiana Di Gianni Rossi

La vicenda delle frequenze negate al network Europa 7 di Francesco di Stefano è ormai alle sue ultime battute. L’alta Corte europea del Lussemburgo sta per emettere la sentenza, mentre l’Avvocato generale della stessa Corte, ha già pronunciato la sua requisitoria che chiede la condanna dello stato italiano per il suo comportamento ingiustificatamente lesivo dei diritti acquisiti dalla Tv privata italiana, favorendo di fatto Retequattro del gruppo berlusconiano Mediaset. Da otto anni va avanti questa vicenda, senza che la grande stampa o le televisioni, pubbliche e private, se ne interessino o, almeno, riportino i dati di cronaca. E’ un “silenzio assordante e inquietante”, che sa tanto di omessa denuncia del conflitto d’interessi macroscopico esistente nel nostro paese e che fa capo a Silvio Berlusconi, già capo del governo, oggi leader dell’opposizione di centrodestra e proprietario del più grande gruppo multimediale privato italiano. Ne abbiamo parlato con il professor Ottavio Grandinetti, costituzionalista, difensore di Europa 7, il proprietario del network, Francesco Di Stefano, e il portavoce di Articolo 21, Giuseppe Giulietti.

Ottavio Grandinetti, difensore di Europa 7, docente diritto dell’informazione università Udine.
“Queste conclusioni sono adottate dall’avvocato generale che funzione come difensore del diritto comunitario, simile al ruolo che ha il procuratore c generale nei giudizi civili in corte di cassazione , in cui il pm interviene e conclude nell’interesse della corretta interpretazione della legge. Una requisitoria che l’avvocato generale svolge in assoluta autonomia sia dalle parti in causa sia dalla corte stessa di giustizia. Quindi queste conclusioni hanno tutta l’autorevolezza che deriva loro dal fatto di essere espresse da un magistrato e in situazione di assoluta “terzietà” rispetto alle posizioni della parti.
Se la Corte di giustizia del Lussemburgo nella decisione finale che adotterà tra qualche mese accoglierà queste conclusioni, la causa tornerà dinanzi al consiglio di stato italiano, il quale in applicazione del diritto comunitario, per come interpretato dalla corte di giustizia, dovrà adottare i provvedimenti atti a garantire che ad Europa 7 siano assegnate le frequenze radiotelevisive, oggetto della concessione rilasciatele dallo stato italiano nel 1999”


Francesco di Stefano, proprietario di Europa 7:
“Sono evidentemente soddisfatto delle conclusioni dell’Avvocato generale della Corte di giustizia europea. Mi aspetto che la Corte del Lussemburgo confermi tra breve, e magari migliori, la decisione . L’amarezza viene tutta dall’assoluta mancanza di risalto data a questo evento, pur così importante, dalla grande stampa italiana e dalla televisione nazionale. Siccome questa assenza orami dura da otto anni, mi piacerebbe molto capire perché ciò accada. E questo succede quasi esclusivamente per la nostra vicenda. Il “Corriere della sera” in otto anni non si è mai occupato della nostra vicenda, che cosa devo pensare ci sia dietro?”.

Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21:
“Non sappiamo quale sarà la sentenza finale, in queste vicende è bene attendere il giudizio definitivo senza strumentalizzare né cedere alla propaganda. Ci appare francamente singolare il silenzio e l’indifferenza, tranne pochissime eccezioni, che è stata riservata dai media italiani ad un pronunciamento così autorevole e che affronta un nodo delicatissimo quale quello delle frequenze, che vorremmo ricordare fa parte anche della procedura di infrazione che la Commissione ha riservato allo stato italiano. Dal momento che in Italia non mancano opinionisti e editorialisti che ogni giorno fanno lezioni sulla necessità di aprire i mercati, liberalizzare e rispettare le regole, non vorremmo che questa vicenda passasse sopra le loro teste come un “temporàle estivo”. Sarà un caso, ma quando ci sono di mezzo le frequenze, la pubblicità, il conflitto di interessi e le posizioni dominanti, sembra prevalere un silenzio assordante e di parte. Ci auguriamo che la vicenda Europa 7 e di Francesco di Stefano venga trattata con lo stesso garbo ed ossequio, spesso riservato ad altri imprenditori del settore.”

13/09/2007
__________________
«Fino a quando il colore della pelle sarà più importante del colore degli occhi ci sarà sempre la guerra.» Bob Marley


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
 







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 01:00 AM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.