Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-18-2008, 04:17 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,619
yatta is on a distinguished road
Default Cosa succede nel Caucaso

Cosa succede nel Caucaso

di Maria Magarik con la collaborazione di Francesco Defferrari

Cosa succede nel Caucaso? Forse lo sapremo con un grande ritardo o non lo sapremo mai. La guerra è stata sfruttata dalla propaganda. Le vittime del conflitto sono state beffate due volte. Lo nota bene Roberto Reale nel suo editoriale. Ma la grande sconfitta di questa storia è l’informazione che si è persa tra le bufale georgiane e l’agitprop del Cremlino. L’opinione pubblica è stata disorientata dalle provocazioni, dai servizi superficiali che contenevano errori, approssimazioni.
Il tentativo di raccontare il conflitto c’e’ stato. Quattro giornalisti hanno perso la vita in questi 5 giorni di fuoco. Un cameraman olandese della rete televisiva RTL-4, ucciso durante il bombardamento russo di Gori nella notte tra il 10 e l’11 agosto. Un giornalista georgiano ancora senza nome, ucciso forse dalla scheggia di una bomba, sempre a Gori. Altri due giornalisti georgiani, Grigol Chikhladze di Alania TV e Alexander Klimchuk, corrispondente dell’Itar-Tass, sono stati uccisi il 9 agosto nell’Ossezia del Sud mentre cercavano di superare un posto di blocco osseto. E’ l’alto prezzo pagato dal mondo dell’informazione in questa breve guerra caucasica. Ai quattro morti si devono aggiungere diversi feriti e alcuni giornalisti arrestati, come i tre corrispondenti turchi fermati e interrogati per diverse ore dall’esercito russo.
Vi raccontiamo alcuni dettagli filtrati dai mass-media russe e georgiane, rimaste fuori dal grande circo propagandistico.
Chi ha bombardato per primo l’Ossezia del sud? La televisione georgiana in diretta ha commentato passo per passo la conquista di Tshinvali . Qualche giorno dopo il fatto veniva addirittura attribuito alle forze di Mosca. Tbilisi si è mossa “alla carlona”. La bufala più grande è stato l’annuncio della quasi presa della capitale georgiana dai tank russi. In serata, tutte le ambasciate convocano i giornalisti per diffondere la notizia. Peccato che in mattinata, la colonna dei carri armati che sia avvicinava alla capitale fosse georgiana e non russa.
I russi bombardano 24 ore su 24 con le immagini (sempre le stesse) che raccontano il genocidio perpetrato da Tbilisi in Ossezia del Sud. Molto meno è stato fatto per l’Olocausto. Nel tg centrale del I canale televisivo di Mosca ORT il presidente georgiano Mikhail Sakashvili viene descritto come un malato psichico con tanto di perizie “indipendenti”. Viene paragonato a Hitler. L’operazione militare delle truppe di Mosca vengono definite come “l’operazione della costrizione alla pace”. Dai mass- media russi le vittime ed i profughi georgiani non sono mai stati menzionati. L’unica fonte di immagini e testimonianze televisive provenivano dalle troupe russe ben organizzate con un’ottima conoscenza del territorio.
Ma propaganda a parte, alcuni fatti sono passati inosservati e meriterebbero un’attenzione particolare dell’opinione pubblica internazionale.
I mass-media russi ( stazioni televisive RTR, ORT, sito www. lenta.ru) hanno pubblicato la notizia sul ritrovamento a Tshinvali dei corpi di alcuni uomini africani che indossavano l’uniforme dell’esercito georgiano. I loro cadaveri si vedono nelle immagini date ai circuiti internazionali. Tra le rovine della città accanto ai soldati di Tbilisi sono stati trovati le istruzioni in inglese, badge con la bandiera a strisce e stelle. Fatti citati dall’ambsciatore russo presso l’ ONU Ciurkin che accusava gli Stati Uniti di ingerenza in questo conflitto. Secondo Mosca, tra i militari richiamati dal contingente georgiano dall’Iraq ci sarebbero gli istruttori americani che avrebbero partecipato alla guerra.
Poco spazio in Occidente ha avuto un’altra notizia sull’utilizzo dei reparti speciali russi utilizzati in Cecenia. Reparti della morte, responsabili di “pulizie” nella piccola repubblica autonoma del Caucaso.
Nella guerra della propaganda, della censura di Internet “leggere tra le righe” è l’unica cosa che rimane all’opinione pubblica disorientata che forse un giorno capirà la gravità della guerra lampo che ha distrutto per sempre i fragilissimi equilibri del Caucaso, episodio da “baia dei porci”, quando si era sfiorata la terza guerra mondiale.

Fonte


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 08-18-2008, 04:43 PM
mimmo-44 mimmo-44 is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2006
Location: germania
Posts: 936
mimmo-44 is on a distinguished road
Wink Sara"una utopia!!

Ma io la penso cosi": perche Putin ha messo il suo ........come presidente???,
perche ha aspettato le olimpiadi per attaccare???
Il lupo perde il pelo ma non il vizio.Vedrete che non e finita"qui ci saranno ancora delle porcate da subire,personalmente spero di NO ma conoscendo il soggetto non scommetterei un cent.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 08-18-2008, 05:23 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

La questione è semplice: non è tanto l'ossezia la posta in gioco ma la annessione della georgia alla NATO, Putin non vuole mentre Bush insiste. Così succee che la georgia attacca la Russia, Putin risponde e Bush (che tra l'altro è a fine mandato e deve evitare di danneggiare il candidato Repubblicano alla Casa Bianca McCaen già sfavorito contro Barak Obama) non può alzare la voce più di tanto.
La Nato si è già espansa troppo a est per iu gusti di Putin e Compagni, figuriamoci se gradiscono che una ex repubblica ex URSS ne possa far parte!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 08:28 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.