Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 10-17-2007, 01:38 PM
corso corso is offline
Senior Member
 
corso's Avatar
 

Join Date: Jan 2007
Location: RIO DE JANEIRO
Posts: 2,547
corso is on a distinguished road
Default la dittatura delle minoranze

La dittatura delle minoranze

LUIGI LA SPINA editoriale da la stampa di oggi

Gli ultimi casi della politica italiana inducono alla tentazione di formulare una domanda, assolutamente scorretta, un po’ sgradevole e di sicuro poco chic: nel nostro Paese, non sta diventando insopportabile la dittatura delle minoranze?

La vicenda del patto sul Welfare e le polemiche, dopo la manifestazione di An e il voto delle primarie per il Pd, sulla scoperta di un’Italia diversa da quella rappresentata dal grillismo trionfante suscitano davvero quelle che Altan, in una delle sue fulminanti battute, definiva «idee che non condivido». Troppo forte, infatti, è il ricordo degli insegnamenti di Tocqueville, di Kelsen, di Bobbio e di tutti gli altri classici del pensiero liberale e democratico sul valore delle minoranze nello Stato moderno. Troppo vicine le tragedie del Novecento per dimenticare l’oppressione delle dittature naziste e comuniste contro minoranze etniche, religiose, sessuali, linguistiche; contro il dissenso e, comunque, contro quell’anticonformismo che resta il miglior antidoto all’imperialismo morale e ideologico della maggioranza.
Pur consapevoli, perciò, di affondare in un terreno minato da giuste e profonde convinzioni, come da ipocriti luoghi comuni, può essere utile ripercorrere il film degli ultimi giorni per cercare di sintetizzarne il senso e di collegarne i fatti. Il governo trova l’intesa sulle modifiche al nostro Welfare con le parti sociali.

I sindacati promuovono una grande consultazione con i lavoratori che, con una maggioranza di oltre l’80 per cento, approvano la soluzione proposta. Il giorno dopo, su richiesta di una minoranza dello schieramento di partiti che sostengono Prodi, minoranza che supera di poco il 10 per cento dell’elettorato, il Consiglio dei ministri modifica l’accordo. A parte l’ulteriore «marcia indietro», di fronte alle proteste di sindacati e Confindustria, non definibile altrimenti che con l’aggettivo «grottesca», il potere dimostrato, ancora una volta, dalla dittatura delle «minoranze» è impressionante.

Il secondo avvenimento della recente cronaca politica è costituito dal successo sia della manifestazione di piazza promossa da An sia delle primarie del Pd. Esiti che hanno fatto improvvisamente scoprire come forse la rappresentazione di un’Italia radicalmente avversa ai suoi partiti e tutta prona agli appelli sbrigativi di Grillo fosse perlomeno imprudente, se non sbagliata. Certo infilarsi nella trappola dei numeri e delle percentuali è pericoloso, ma il dubbio sulla deformazione, anche giornalistica, che tende a trasformare minoranze aggressive e folcloristiche in maggioranze virtuali dell’Italia d’oggi è del tutto legittimo.

Fatta la doverosa premessa di non confondere la dittatura delle minoranze interne alla maggioranza con i sacri diritti dell’opposizione parlamentare e politica, la spiegazione che, in genere, si offre a questa anomalia italiana è fondata sulle perverse conseguenze di una sciagurata legge elettorale. Siamo l’unico Paese al mondo, infatti, che è riuscito a concepire il cosiddetto maggioritario, che, come la parola indurrebbe a credere, punta a privilegiare le forze più numerose, in modo da esaltare il potere dei partiti più piccoli. Questa osservazione, di sicuro la più immediata, è certamente vera, ma non è esaustiva. La forza delle minoranze italiane, il loro potere di veto, l’immobilismo a cui costringono la nostra società derivano anche dalla persistenza di una cultura sostanzialmente trasformistica, antidemocratica ed elitaria che pervade non solo la classe politica, ma anche tutta la classe dirigente italiana, compresa quella universitaria e giornalistica.

Il rispetto della regola per cui, quando si resta in minoranza, si intraprende una tenace battaglia interna per convincere la maggioranza dell’errore commesso e così ribaltare il verdetto delle opinioni, provvisoriamente sfavorevole, non vale solo in Parlamento. In Italia non nascono solamente i partiti personali o di pochi intimi, ma la prassi di non accettare la sconfitta interna e di correre a fondare subito un’altra associazione dissidente, è del tutto comune, dai circoli delle bocce ai Rotary. I motivi sono essenzialmente due: gli italiani non credono fino in fondo alla possibilità democratica di ribaltare un risultato, di convincere all’alternanza del potere, alla reversibilità delle cariche di comando; inoltre, la seduzione del protagonismo mediatico, la facilità con cui lo sconfitto si trasforma subito nella vittima di un imbroglio o di una clamorosa ingiustizia, inducono a non ammettere mai l’esito negativo di un confronto con gli altri.

Ecco perché anche la nostra cultura giornalistica non può esimersi da qualche riflessione: è vero che solo l’anomalia converte un semplice fatto in una notizia, ma il privilegiare sempre la rappresentanza dell’opinione minoritaria, il comportamento dissenziente, il parere obbligatoriamente eterodosso non può indurci a raccontare un Paese diverso dalla realtà? Forse più interessante, sicuramente più divertente, ma meno vero.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 10-17-2007, 05:22 PM
ABNormal ABNormal is offline
Administrator
 
ABNormal's Avatar
 

Join Date: May 2005
Posts: 4,002
ABNormal is on a distinguished road
Send a message via ICQ to ABNormal Send a message via MSN to ABNormal Send a message via Yahoo to ABNormal
Default

dico cosa mi ha fatto pensare.

condivisibile il succo del discorso per cui è sempre odioso il ricatto delle minoranze per ottenere il successo di loro posizioni minoritarie.

però....
- sbaglia, per ignoranza o "fintatonterìa" nel voler definire questo un fenomeno tutto italiano. in israele da decenni la situazione vede maggioranze risicatissime portate per il collo da partitini radical-religiosi. ed è solo un esempio, che già smonta questa presunta tesi.

- cuoce, in un unico calderone le pressioni della "cosarossa" con la manifestazione di grillo, che ben poco hanno in comune; mentre pone le primarie dei PD e soprattutto la manifestazione AN quali rivincita della "buona" politica
Quote:
secondo avvenimento della recente cronaca politica è costituito dal successo sia della manifestazione di piazza promossa da An sia delle primarie del Pd. Esiti che hanno fatto improvvisamente scoprire come forse la rappresentazione di un’Italia radicalmente avversa ai suoi partiti e tutta prona agli appelli sbrigativi di Grillo fosse perlomeno imprudente, se non sbagliata.

sarei curioso di sapere per quale motivo i 500mila di fini hanno un peso diverso dai 500mila di grillo. in calcio si mette la X, l'autore mette un 1 secco in casa partitica.
se si pone che AN ha una macchina organizzativa e mediatica (vedi gli ampi spazi che i TG hanno offerto PRIMA e DURANTE a quest'evento rispetto al deserto dei tartari dell'08-09, e/o l'affissione di migliaia di manifesti sui muri ad annunciare la manifestazione di AN), mentre BeppeGrillo ha mosso tramite il passaparola altrettante persone,il dubbio su chi sia più convincente mi viene...
ma tant'è, almeno il dubbio di quale sia l'interpretazione da dare a due mezzi-milioni di manifestanti io me lo porrei, l'autore del pamphlet no, beato lui.

-
Quote:
Il rispetto della regola (perversa al dire dell'autore) per cui, quando si resta in minoranza, si intraprende una tenace battaglia interna per convincere la maggioranza dell’errore commesso....
gli italiani non credono fino in fondo alla possibilità democratica di ribaltare un risultato, di convincere all’alternanza del potere...

questa parte più che vedermi perplesso mi spaventa per le implicazioni sottintese.
secondo questo personaggio il diritto a manifestare è antidemocratico. le donne non avrebbero mai dovuto scendere in piazza contro la DC che non voleva il divorzio e svegliare una società con nuove idee... gli scioperi dei contadini del dopoguerra contro i latifondisti non s'avevano da fare... e così via.
qui si vede come l'idea di "democrazia" di costui sia in realtà coincidente al vota, subisci e crepa che la partitocrazia sente minacciata dal "grillismo".
La massa affida le sorti del paese a qualcuno e, per quante ca##ate si possano fare da quel momento in poi, la plebe deve aspettare zitta e curva in attesa di prossime elezioni dove AL MASSIMO affida agli altri il compito di comandare, augurandosi in modo diverso.
il dettaglio che il "Popolo sia Sovrano", che "l'Etat c'est moi" fa inorridire casta e megafoni di turno quale mi sembra costui.

la sintesi dell'articolo è:
1) in italia c'è chi non si sta zitto e questo non ci piace.
2) qui comandano a turno il PD e FI. il resto è solo un ronzìo fastidioso. al volgo l'unica ampia concessione di decidere chi di noi due debba comandare.
3) il popolo non esiste. le sue esigenze non sono di nostro interesse nè le vogliamo sapere. esiste solo l'economia che questa massa produce, ed è il motivo per cui stiamo qui.


invertendo l'ordine dell'atricolo, e postponendo l'introduzione (salvaculo) che recita:
Quote:
Troppo forte, infatti, è il ricordo degli insegnamenti di Tocqueville, di Kelsen, di Bobbio e di tutti gli altri classici del pensiero liberale e democratico sul valore delle minoranze nello Stato moderno. Troppo vicine le tragedie del Novecento per dimenticare l’oppressione delle dittature naziste e comuniste contro minoranze etniche, religiose, sessuali, linguistiche;

queste frasi suonano un cupo avvertimento del tipo
"ringraziate il cielo che illuminati personaggi vi mettono al riparo da nostre reazioni più evidenti, ma non ci andrebbe (per ora?) di essere accomunati a momenti storici quali nazismo e comunismo" (...chissà perchè l'autore ha dimenticato il fascismo, più nostrano in fondo...)

no. questo articolo mi repelle.

ABN

PS: ma il programma di governo che recitava CON PRECISIONE sul welfare? e cosa è stato fatto votare? lo chiedo perchè, come sempre nessuno ne parla con chiarezza e in italia quando i messaggi sono "OPACHI" in genere è perchè la risposta è fin troppo TRASPARENTE...
__________________
«Fino a quando il colore della pelle sarà più importante del colore degli occhi ci sarà sempre la guerra.» Bob Marley

Last edited by ABNormal : 10-17-2007 at 05:41 PM.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 09:09 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.