Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 11-08-2007, 01:39 PM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default Il dollaro debole porta l'Italia alla bancarotta

Il dollaro debole porta l'Italia alla bancarotta

Di Loris Palmerini

Sembra che finalmente i media abbiano deciso di avvicinarsi alla realtà sul petrolio. Non sarebbe un problema se il petrolio costasse anche 100 dollari al barile se nel frattempo il dollaro continua a costare sempre meno euro. Cosa che succede. Ecco perché non esiste un caro petrolio, e semmai si tratta di un dollaro debole. Il petrolio a 93 dollari il barile costa circa 61 Euro.

Quando il petrolio era a 35 dollari, in realtà lo pagavamo circa 44 Euro. Considerando poi che esistono anche il gas, e le fonti alternative, il problema non è così grave, anzi ci spinge a investire in fonti alternative e nella ricerca preparando l’avvento di un futuro più pulito e con meno guerre.

Ma allora perché i politici italiani si arrabbiano per il super euro (che non esiste)? Semplice: un dollaro debole (o un Euro forte a suo confronto) ci porterà alla bancarotta. Ma solo l’Italia.

Il problema nasce dal fatto che per decine di anni si sono affrontati i problemi del “sistema italia” con la svalutazione. Negli anni in cui Ciampi era governatore della Banca d’Italia, appena si avvicinava una crisi economica si procedeva a svalutazione della lira. In questa maniera i prodotti italiani erano meno costosi sul mercato estero, e dunque si riusciva a far andare avanti la barca così com’era, vale a dire con privilegi per la casta, industriali assistiti, corruzione, parassitismo statale, ecc ecc.


Però, con la svalutazione, si rinunciava anche a migliorare il sistema per renderlo più efficiente e competitivo. E il problema dell’impoverimento che deriva dalla svalutazione veniva scaricato sul debitopubblico. E così i problemi che dovevano essere risolti 20 anni fa si sono tutti accumulati, e sono da risolvere oggi!

Il risultato già oggi evidente è che i 40-enni vengono chiamati “ragazzi” e gli si da la colpa se non hanno uno stipendio . I loro padri invece , si sono fatti 2 case lasciando i debiti da pagare. Si può dire che Ciampi abbia nociuto al paese in maniera mostruosa, condannando 2 o 3 generazioni al precariato, alla povertà e alla servitù alla casta.

Inoltre, grazie alla svalutazione, sono sopravissute a sé stesse molte industrie decotte, condannate a morire comunque per la globalizzazione. E si è insistito nel tenere in piedi industrie ormai obsolete anche con la manodopera a basso costo degli immigrati.

Il risultato è che quelle industrie sono oggi aziende fabbrica debiti, e hanno lasciato alla collettività solo il problema di una immigrazione selvaggia che ha distrutto la socialità e perfino la sicurezza degli indigeni. Dunque, ora succede che il dollaro debole fa aumentare le esportazioni americane, ma oltre a quelle americane aumentano le esportazioni di India, Cina ecc che sono valutate in dollari.

In pratica, se continua così, cioè una concorrenza ancora più forte di prima delle merci cinesi e indiane, da qui a qualche anno il sistema produttivo italiano sarà rasato al suolo salvo poche eccellenze. E continuerà così perché gli USA hanno bisogno che il dollaro resti debole per esportare. I cinesi si stanno sbarazzando dei dollari e questo aumenterà ancora la svalutazione del dollaro, rischiando di far scivolare la cosa dalle mani americane.

Ma ai tedeschi e ai francesi, ormai globalizzati finanziariamente, la cosa non interessa.Una moneta forte è normale, lo era anche il marco tedesco.
Tutt’al più i tedeschi diventeranno sempre più capaci di comperare anche quei pochi rimasugli buoni della fallimentare economia del sistema italia.

Perciò, un dollaro debole rispetto ad un euro “forte”, unito al parassitismo e al debito pubblico ci manderà in bancarotta. Senza parlare della casta inamovibile ed incapace che non sa fare nulla come dimostrano le cronache.
Però, se per assurdo dovessero aumentare i tassi di interesse americani, allora il dollaro si rivalutera rispetto all’euro. Purtroppo però questo farebbe aumentare in maniera pazzesca gli interessi da pagare sui debiti dello Stat, il quale già ora non riesce a pareggiare i conti sebbene si sforzi. Dunque, a me pare che siamo tecnicamente falliti, ma nessuno ha il coraggio di dirlo. O quasi

http://canali.libero.it/affaritalia...a1011.html?pg=1


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 11-08-2007, 06:57 PM
corso corso is offline
Senior Member
 
corso's Avatar
 

Join Date: Jan 2007
Location: RIO DE JANEIRO
Posts: 2,547
corso is on a distinguished road
Default

nel 2008 per le elezioni, il dollaro risalira', e se il nuovo presidente non sara' quella vacca di berlusconiana memoria della clinton, forse ri-raggiungera' livelli piu' accettabili. comunque e' stata una mossa per mettere in gastigo l'europa.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 11-08-2007, 07:35 PM
alma alma is offline
Moderator
 
alma's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Posts: 5,963
alma is on a distinguished road
Default

Non dimentichiamo che l'energia alla fonte vien pagata in dollari...
__________________
FreeIPTVforFreePeople
P2PTV?...incomincia da qua.
Perché non continuar così...e poi magari registrare?
Se hai domande...te lo cerco io
La (R)esistenza continua


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #4  
Old 11-08-2007, 08:16 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Intanto questo discorso se fosse realistico varrebbe per tutta eurolandia e non solo per l'Italia anche se noi abbiamo una industria meno competitiva rispetto agli eurocompagni a causa della inettidutine ed incapacità della nostra classe dirigente e dei nostri imprenditori (non tutti ma la maggioranza).
Io credo che il l'Euro forte sia conseguenza del caro petrolio:dall '11 settebre fluttuano in sincronia! E che non faccia così male...anzi!

Le fonti di energia alternativa sono scarsamante sviluppate e quindi è forte la dipendenza dal petrolio sia per questioni energetiche che di trapsorto (benzina ,diesel e Gpl sono prodotti petroliferi) e per le industrie della plastica.

Nel 2001 avevamo il petrolio a 18$ al barile ora siamo a 96$ ovvero più del quintuplo ma nello stesso periodo l'euro è passato da 0.86$ a 1.47$ con la conseguenza che per noi il petrolio è passato da da 20.9 euro a 65.3 euro al barile con un incremento del 212% contro il 433% del resto del mondo.

Una differenza notevole cha inciso analogmante sulla diffrenza di incremento della bolletta energetica e quindi sui costi di produzione industriale, fra Eurolandia ed altri paesi.

Dunque l'euro forte è compensato nella concorrezza ai paesi extra-eurolandia dal caro petrolio o meglio e il caso di affermare che si tira su l'euro per compensare il caro-greggio!!!

Last edited by Malcom1875 : 11-09-2007 at 04:25 PM.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #5  
Old 11-08-2007, 08:59 PM
tiolucas73 tiolucas73 is offline
Moderatore
 

Join Date: Mar 2005
Posts: 2,902
tiolucas73 is on a distinguished road
Default

Quote:
Originally Posted by Malcom1875
Io credo che il l'Euro forte sia conseguenza del caro petrolio:dall '11 settebre fluttuano in sincronia! E che non faccia così male...anzi!


Nel 2001 avevamo il petrolio a 18$ al barile ora siamo a 96$ ovvero il quadruplo ma nello stesso perisodo l'euro è passato da 0.86$ a 1.47$ con la conseguenza che per noi il petroli è passato da da 20.9 euro a 65.3 dollari al barile con un incremento del 212% contro il 300% del resto del mondo.


Dunque l'euro forte è compensato nella concorrezza ai paesi extra-eurolandia dal caro petrolio o meglio e il caso di affermare che si tira su l'euro per compensare il caro-greggio!!!


hai scritto 3 inesattezze nello stesso post:
il super euro ammazza l'economia europea e soprattutto quella di italia e francia...come fai a dire che "non fa così male"?????

il resto del mondo ha avuto l'88% di aumento del costo del petrolio in più di noi? ma in quale mondo, scusa?? gli usa il petrolio se lo auto-estraggono (non prorpio in toto ma quasi) e la cina si fa un baffo dell'aumento visto il PIL che ha....forse forse il giappone ne risente un po', ma con tutto quello che esporta grazie allo yen debole sopperisce eccome!!!

l'eiro NON VALE UNA CICCA (almeno per ora) e l'europa non è mai stata in grado di influenzare le variazioni delle valute internazionali....lo dice la storia!!
__________________
FOOTBALAND
Tutto per il VERO tifoso...e molto altro!!
11/11/2008 Milano DatchForum..150 minuti di emozioni...grazie Francesco!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #6  
Old 11-09-2007, 12:07 AM
franco1945 franco1945 is offline
Junior Member
 

Join Date: Dec 2006
Posts: 1
franco1945 is on a distinguished road
Default

come mai diminuisce il dollaro e aumenta la benzina?


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #7  
Old 11-09-2007, 12:58 PM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default

Un euro forte danneggerà in particolar modo l'Italia che ha un enorme debito pubblico. Avere una moneta forte rispetto ad una economia debole, vuol dire dipendere dalle importazioni, avere una bilancia commerciare in negativo. Un'industria che non investe più sulla qualità dei prodotti, sull'informazione, sulla ricerca (di nuove tecnologie) e quindi sulla qualità dei prodotti, la concorrenza si trasferisce interamente sul prezzo. Più l'euro è forte e più l'Italia sarà inondata dal mercato asiatico che costringerà a chiudere sempre più le nostre imprese, delocalizzando dove il costo della manodopera è irrisorio. Questo comporta maggior disoccupazione, minor PIL, minori entrate per uno Stato che deve sopportare un maggior peso dell'amministrazione. Insolvenza.


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #8  
Old 11-09-2007, 04:34 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Quote:
Originally Posted by tiolucas73
hai scritto 3 inesattezze nello stesso post:
il super euro ammazza l'economia europea e soprattutto quella di italia e francia...come fai a dire che "non fa così male"?????

il resto del mondo ha avuto l'88% di aumento del costo del petrolio in più di noi? ma in quale mondo, scusa?? gli usa il petrolio se lo auto-estraggono (non prorpio in toto ma quasi) e la cina si fa un baffo dell'aumento visto il PIL che ha....forse forse il giappone ne risente un po', ma con tutto quello che esporta grazie allo yen debole sopperisce eccome!!!

l'eiro NON VALE UNA CICCA (almeno per ora) e l'europa non è mai stata in grado di influenzare le variazioni delle valute internazionali....lo dice la storia!!

Al di là dell'errore di calcolo già corretto...in effetti l'aumento era del 433% quindi il 221% in più rispetto a noi,rimango della mia idea.
Spiegami se è vero che gli Usa si autoestraggono il petrolio come mai sono anche i il pese primo al mondo per importazioni petrolifere? Sai quanto ne comprano da Iraq,Messico;Nigeri,Emirati Arabisi;Arabia saudita;Oman;Yemen,ecc.?
Infine coe fanno i prodotti europei a cosatare di più solo per l'euro forte se glia ltri pagano i costi energetici il doppio di noi?
Pil è belle varie c'entrano poc. Se poi l'Euro è elevato vuol dire che le esposrtazioni della Ue superano le importazioni.....


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #9  
Old 11-09-2007, 04:41 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Quote:
Originally Posted by breunzo
Un euro forte danneggerà in particolar modo l'Italia che ha un enorme debito pubblico. Avere una moneta forte rispetto ad una economia debole, vuol dire dipendere dalle importazioni, avere una bilancia commerciare in negativo. Un'industria che non investe più sulla qualità dei prodotti, sull'informazione, sulla ricerca (di nuove tecnologie) e quindi sulla qualità dei prodotti, la concorrenza si trasferisce interamente sul prezzo. Più l'euro è forte e più l'Italia sarà inondata dal mercato asiatico che costringerà a chiudere sempre più le nostre imprese, delocalizzando dove il costo della manodopera è irrisorio. Questo comporta maggior disoccupazione, minor PIL, minori entrate per uno Stato che deve sopportare un maggior peso dell'amministrazione. Insolvenza.

Pensare di diventare più competitivi delocalizzando la produzione è un idiozia mega in quanto ciò che si sriparmia sui salri viene assorbito dai trasporti, da dazi e dalla maggiorazione dei salri ovvero dalle trasferte pagate al personale specializzato come ingegneri ecc. che non esistono in quei paesi e devono mandarci i nosri dirigere le aziende aperte laggiù e per insegnare ai polacchi od alri come si fà il lavoro.
Inoltre così facendo si toglie lavoro agli Italiani abbattendo così il cosnumismo interno e perdendo di conseguenza clientela e ordinativi. Produci er chi? Sto c...o!
Inoltre i nostri industriali sono cosi scemi che quel poco che riescono a risparmiare per produrre all'estero invece che usarlo per vendere i propri prodotti a minor prezo se lo mettono in tasca e lo scialacquano in beni di lusso!


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #10  
Old 11-09-2007, 05:58 PM
hhhh hhhh is offline
Senior Member
 
hhhh's Avatar
 

Join Date: Dec 2005
Location: Sassari
Posts: 865
hhhh is on a distinguished road
Send a message via MSN to hhhh
Thumbs down

Quote:
Originally Posted by tiolucas73
gli usa il petrolio se lo auto-estraggono (non prorpio in toto ma quasi)


questo non è vero: gli USA son i principali consumatori di petrolio, 1/4 del petrolio mondiale è domandato dagli USA. Gli USA le riserve che hanno se le tengono ben strette e preferiscono comprare petrolio dagli arabi piuttosto che finire il proprio (e quindi dipendere in futuro dall'OPEC).
Quindi gli USA soffrono questo petrolio caro parecchio, magari intaccando le proprie riserve. Ma tranquillo, il petrolio prodotto dagli USA è infinitesimo rispetto a quello che consumano. Preferiscono comprarlo dall'estero piuttosto che "mangiarsi" le riserve, come fece la GranBretagna della Tatcher (stupidaggine cosmica solo per dare al "popolo" un petrolio a basso costo, col risultato che oggi la GB è importatrice netta di greggio, quando aveva 1 giacimento importante nel Mar del Nord.. gli Usa son molto più lungimiranti sotto questo aspetto..)


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 10:17 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.