Go Back   Forum > Tecno-Cool > Adsl forum

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



× Note: This forum is read-only. Check the announcements for any changes.



Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-01-2007, 01:21 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,618
yatta is on a distinguished road
Default

ADSL costi 20 volte superiori all’Europa


La denuncia proviene direttamente dall’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP), che sottolinea l’esosità del listino Bitstream praticato da Telecom Italia.

Dal momento che la rete è ancora nelle mani dell’ex monopolista, questo il ragionamento dei Provider, la sua politica tariffaria nei confronti degli altri operatori è la prima causa dell’arretramento tecnologico del nostro paese.

Mantenere alte le tariffe all’ingrosso, infatti, si ripercuote anche sui costi a valle, imponendo limitazioni al mercato della banda larga e dei nuovi servizi multimediali (come l’IpTV) che, come ripetuto dal Presidente Agcom in occasione della Relazione Annuale dell’Authority, sono due passaggi fondamentali per lo sviluppo del paese.

Secondo i dati diffusi dall’AIIP, però, i prezzi praticati da Telecom sarebbero fino a 20 volte superiori da quelli dei migliori incumbent europei.

Se, ad esempio, in Italia il prezzo per il trasporto è di 0,85 €/kbps/anno in Danimarca per lo stesso servizio i Provider pagano esclusivamente 0,044 €/kbps/anno.

A partire da questo dato l’Associazione si chiede come sia possibile che, anche considerando la minore concentrazione della popolazione danese ed il minore utilizzo di ogni singola centralina, in Italia i costi fissi per utente siano estremamente più alti.

Le risposte proposte dall’AIIP sono due ed alternative:

“O i costi di Telecom Italia sono effettivamente sino a 20 volte più alti dei migliori incumbent in Europa, ed in tal caso Telecom Italia sarebbe sino 20 volte più inefficiente, oppure i prezzi proposti non sono effettivamente orientati ai costi ma celano un altissimo margine in spregio alla normativa richiamata” dichiarano, infatti, in vertici dell’Associazione.

A quanto pare, dunque, i Provider hanno lanciato un sasso nella stagnate situazione della banda larga italiana, staremo a vedere se qualcuno dei soggetti istituzionali deputati ad occuparsi della questione prenderà, come sarebbe auspicabile che fosse, una posizione in merito.

Fonte


Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 07:12 AM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.