Go Back   Forum > Tecno-Cool > Cellulari

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read






 
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
Prev Previous Post   Next Post Next
  #1  
Old 10-23-2007, 03:29 PM
corso corso is offline
Senior Member
 
corso's Avatar
 

Join Date: Jan 2007
Location: RIO DE JANEIRO
Posts: 2,546
corso is on a distinguished road
Default

cellulare gps, addio trasgressione


fonte: corriere della sera di oggi

Bastano 3 dollari al mese per perdere volontariamente il diritto alla privacy
Sempre rintracciabili, negli Usa è già moda
Trovare e farsi trovare grazie ai cellulari Gps. Entusiasti i giovani: «Non serve più chiedere: "dove sei?"»


La persona cercata viene identificata su una mappa: è il servizio illustrato sul sito di Loopt

WASHINGTON (Stati Uniti) - Il Grande Fratello ti sta sempre più osservando. Ma il monito che George Orwell lanciava dalle pagine del suo «1984» non solo è già «potenzialmente» una realtà: adesso è pure a buon mercato. Abbattuto l'ostacolo del costo, il passo per passare dal potenziale al reale diventa davvero breve.

A BUON MERCATO - Bastano infatti poco meno di tre dollari al mese (2,99), poco più di due euro, per far sapere dove ci si trovi in qualunque momento della giornata e, al tempo stesso, per sapere dove si trovano amici e parenti. Il nuovo servizio, offerto negli Usa da provider come Loopt https://loopt.com/loopt/sess/index.aspxe, Helio (che ha lanciato Buddy Beacon), si basa sulla tecnologia Gps, il Global positioning system, il sistema di posizionamento basato su tecnologia satellitare già utilizzato per gli antifurti e i navitagori delle automobili e ora abbinato anche ai telefoni cellulari. Ed è lo strumento che contribuirà a far cadere anche le residue barriere dell'irreperibilità.

FICCANASO TASCABILE - Chissà se in tanti la considereranno una buona notizia. Verrebbe spontaneo dire che il nuovo marchingegno sia una sorta di ficcanaso da tasca e che nessuno vorrà mai rendersi veramente sempre rintracciabile. E invece no. Negli Stati Uniti sembra proprio che la tendenza sia questa e sono sempre di più le community di amici che decidono di lasciare sempre attivo questo cercapersone dell'era digitale, che non fa drin e neppure bip bip e che addirittura non necessita di una risposta. Fa tutto da solo e rivela al mondo dove siamo e, forse, anche cosa facciamo. E tutto a nostra insaputa.

ACCESSO LIMITATO - Qualche limitazione, fortunatamente, però c'è. Il controllo dei propri movimenti è infatti consentito solo a coloro che si decide di autorizzare a interrogare il sistema. «E tra questi non c'è sicuramente mia madre - precisa al New York Times la 24enne Kyna Font, studentessa a Stanford -. Non voglio che lei sappia sempre dove io mi trovi». A differenza dei suoi amici. Kyna è infatti entusiasta delle possibilità offerte dal suo smart-phone e dalla piattaforma di Loopt: nelle settimane scorse - racconta ad esempio - doveva incontrare degli amici per cena ma dal suo cellulare ha visto che erano lontani 40 miglia dal ristorante e che quindi sarebbero arrivati in ritardo. Così ha potuto a sua volta prendersela comoda e fare altro prima di andare all'appuntamento. «In questo modo non c'è più bisogno di telefonare e chiedere: dove sei?». Una chiamata che evidentemente doveva sembrarle una grande scocciatura...

L'IDEA NATA NEL 2005 - Ma proprio la fatidica domanda «dove sei?» è quella che ha ispirato Sam Altman, il 22enne co-fondatore di Loopt: nel 2005, uscendo da una lezione sempre alla Stanford University, notà che tutti gli studenti, ne contò circa duecento, quasi all'unisono, estrassero i propri telefoni e iniziarono a chiamare gli amici chiedendo dove fossero. La sua conclusione? «La gente vuole essere connessa». Di lì nacque l'idea che ora sta spopolando, soprattutto tra i giovani in età da college.

TECNOLOGIA E FUTURO - Peccato però che la nuova tecnologia si presti anche ad un uso distorto della reperibilità continua. Basti pensare alla possibilità che un datore di lavoro imponga a tutti i suoi dipendenti di rendersi sempre rintracciabili. O alle possibili intrusioni nella vita privata di amici e famigliari. In ogni caso il fenomeno del social-mapping è in continua crescita e secondo le stime saranno centinaia di migliaia in tempi brevi coloro che si renderanno sempre individuabili. La tecnologia, del resto, è già a portata di mano: almeno il 55% dei telefoni cellulari diffusi negli Usa sono già compatibili con il nuovo servizio.

GLI ALTRI USI - Non è la prima volta che si parla di tracciamento continuo e prima ancora che attraverso i cellulari si è pensato di poterlo attuare mediante dispositivi inseriti in calzature e abbigliamento, studiati tra l'altro per consentire ai genitori di non perdere mai i contatti con i propri figli. E il trasmettitore Gps è anche l'evoluzione del microchip sottopelle applicato abitualmente a cani e gatti per permettere ai loro proprietari di raggiungerli in caso di smarrimento. Inoltre è sempre più diffuso l'utilizzo del mapping, sia per necessità (gli itinerari stradali) sia per svago (nelle settimane scorse si è svolta a Milano, Roma e Napoli la caccia al tesoro via Navigator promossa da Nokia).

PRIVACY ADDIO - Già oggi molte indagini di polizia si basano sulle tracce lasciate dai normali telefonini gsm durante il passaggio da una cellula all'altra. Con il Gps questo monitoraggio sarà sempre più intenso e preciso, con margini di errore quantificati in pochissimi metri, se non addirittura centimetri. E, soprattutto, sarà disponibile praticamente a tutti e non solo alle forze dell'ordine, che pure prima di agire devono ottenere le autorizzazioni dal magistrato. Le compagnie telefoniche, negli Usa, già mettono le mani avanti, cercando di prevenire accuse di violazioni della libertà personale, e fanno sapere che non terranno archivi e registrazioni dei movimenti dei loro utenti. In prospettiva, in ogni caso, m la privacy sarà sempre più soltanto un lontano ricordo. Ma ai giovani della net generation, per ora, sembra davvero non importare.

caramba, gia' il cellulare lo uso raramente e la maggior parte delle volte lo lascio a casa spento (e senza batteria). lo trovo ingestibile come l'ombrello, la penna biro e l'orologio. tutti articoli che non uso MAI. figurati cosa non mi farebbe la mia dentista se fossimo forniti di gps.

Last edited by corso : 10-23-2007 at 03:36 PM.


Reply With Quote
 







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


All times are GMT +2. The time now is 03:48 PM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.