Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read






Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 04-01-2008, 02:07 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,618
yatta is on a distinguished road
Default

Testimone di giustizia sfida ‘Ndrangheta in diretta web e torna in Calabria


Testimone di giustizia sfida ‘Ndrangheta in diretta web e torna in Calabria

LA PROTESTA. Sta tornando nel posto più pericoloso per lui. La Calabria, la sua terra, là da dove tempo fa è dovuto partire per affidarsi ad un programma di protezione per aver fatto arrestare decine di 'nranghetisti.
E quello che sta accadendo in queste ore ha dell'incredibile, non solo perché la vittima ha scelto di tornare a casa sua, ma anche perché ha scelto di documentare questo ritorno in patria via web, sul suo blog (www.pinomasciari.org).
Centinaia di utenti si stanno mobilitando in Rete e nelle varie chat per diffondere la protesta.
Così on line è possibile seguire i suoi spostamenti alla faccia di quella riservatezza che forse potrebbe ancora salvargli la vita.
Il protagonista è l'imprenditore calabrese Giuseppe Masciari testimone di giustizia: la sua la definisce «una forma estrema di protesta in attesa della risposta delle istituzioni e contemporaneamente chiede per la famiglia asilo politico o adozione ad altro stato».
In macchina, verso il ritorno, con lui anche un "ufficio stampa mobile" che comincia a ricevere chiamate da telegiornali e agenzie di stampa e intanto lui aggiorna il blog.
«Non mi sono piegato al racket», racconta Pino dalle sue pagine virtuali, che oggi si augura che lo Stato si faccia avanti per proteggerlo.
Con le sue denunce l'imprenditore ha fatto arrestare e condannare decine di appartenenti al sistema 'ndranghetista con le sue collusione all'interno delle Istituzioni.
Inserito nel Programma Speciale di Protezione a partire dal 17 Ottobre 1997, portato via dalla Calabria è da allora sprofondato in un tunnel senza via d'uscita: «in questi 11 anni non si contano i comportamenti omissivi tenuti dalle Istituzioni preposte alla mia protezione», racconta lui, «contrari alla legge e prima ancora alla dignità della persona. Abbandonato al mio destino insieme con la mia famiglia, isolati, esiliati dalla propria terra, privati delle imprese edili e del proprio lavoro (mia moglie è un medico-odontoiatra)», scrive sul suo blog.
Il professionista chiede ad una qualsiasi delle Nazioni dell'Unione Europea o altra Nazione «l'adozione della mia famiglia, per mia moglie ed i miei due figli, perché si prenda cura di loro con la dovuta sicurezza».
Lui no, lui vuole restare nel suo paese «a rischio della vita, per proseguire la strada della denuncia civile e legale dell'impotenza delle Istituzioni, che alle parole non fanno seguire i fatti concreti e per raccontare la verità sulla lotta alla mafia in Italia: chi non scende a compromessi con le dinamiche mafiose deve essere fatto fuori, in un modo o nell'altro».
E la protesta va, in poche ore il mondo del web è mobilitato.

Fonte


Reply With Quote
  #2  
Old 04-01-2008, 11:31 PM
ABNormal ABNormal is offline
Administrator
 
ABNormal's Avatar
 

Join Date: May 2005
Posts: 3,995
ABNormal is on a distinguished road
Send a message via ICQ to ABNormal Send a message via MSN to ABNormal Send a message via Yahoo to ABNormal
Default

io non so in questo ca##o di paese che succede. prima si dice di alzare la testa contro le mafie e poi lo stato ti seppellisce vivo abbandonandoti.
altro caso:
a marigliano un gruppo di persone hanno fatto le analisi del sangue (a loro spese visto che lo stato ha chiuso l'unico laboratorio che faceva questo tipo di analisi in quel territorio) ricavando dati allucinanti (uno di loro, apparentemente sano, ha, in una scala da 0 a 9 -dato massimo di allarme per OMS-, ben 47!!). hanno allora rimandato le schede elettorali, copia delle analisi e un appello al presidente della nostra(?) repubblica e conterraneo, chiedendo di non seppellire con il silenzio il genocidio che si sta consumando.
unica risposta: i carabinieri che hanno riportato indietro le schede elettorali "invitando" a smettere "di fare tanto clamore", perchè "è meglio per tutti".
punto.

ripeto: ma sto ca##o di paese che ha fatto?
__________________
«Fino a quando il colore della pelle sarà più importante del colore degli occhi ci sarà sempre la guerra.» Bob Marley


Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 06:15 PM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.