Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read






Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-20-2007, 05:40 PM
yatta yatta is offline
attualmente out
 
yatta's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Location: I live in peace
Posts: 3,600
yatta is on a distinguished road
Default

Digitale, Pili: "La giunta tenta un nuovo caso Saatchi"


Mauro Pili che denuncia «un nuovo caso Saatchi», due canali di finanziamento per lo stesso progetto. Soldi europei, rispunta Media Factory. "la Giunta ci riprova con il digitale"

di ENRICO PILIA

Il deputato-detective lo chiama il "doppio colpo di Ferragosto", un progetto che esce, bocciato, dalla porta principale della Regione e rientra dalla finestra. L'inseguimento del parlamentare di Forza Italia Mauro Pili su Renato Soru e i suoi più stretti collaboratori continua, incessante, nonostante il periodo vacanziero e il recente aggancio sul caso Saatchi&Saatchi.

LA STORIA. In sintesi: la Regione - secondo la ricostruzione dell'ex presidente - attraverso i fondi europei, sta per finanziare lo stesso progetto multimediale del consorzio Sardegna Media Factory già fermato a causa della bocciatura della gara per la pubblicità. «Due canali finanziari, ovvero la gara d'appalto Saatchi e i soldi europei della progettazione integrata, con un unico progetto, quello della multipiattaforma televisiva», dice Pili, «e un solo soggetto concorrente, destinatario del subappalto (l'accordo con la Saatchi per il 30 per cento del budget) e «primo gruppo di partenariato prescelto per la progettazione integrata», dice il parlamentare. Secondo Pili, obiettivo della Giunta regionale è quello di assegnare ingenti finanziamenti al consorzio «degli amici di Tiscali, per lo stesso progetto ma su due binari diversi e paralleli».

I PROGETTI. Messe una vicina all'altra, le due proposte sono in effetti molto simili. La multipiattaforma televisiva inserita nel progetto della Saatchi prevedeva la creazione di un canale televisivo satellitare e uno digitale, una internet provider tv, le news sui videotelefonini, i contenuti on demand (l'utente definisce il palinsesto secondo i propri desideri e le proprie necessità, e non il provider televisivo come normalmente accade). Nel documento sulla progettazione integrata (aprile 2006), è la Regione a chiedere che si realizzi un servizio di contenuti on demand, un sistema di programmi televisivi per le varie piattaforme (terrestre, satellitare, mobile) e un sistema di content management, il controllo di contenuti e notizie dalla loro creazione all'utilizzo.

DAL MINISTRO. Per il parlamentare «è chiaro il tentativo di intascare soldi pubblici da più fronti, operazione che doveva restare segreta». Sarebbero soldi «buttati al vento» se i fondi europei andassero «al consorzio di società vicine a Tiscali», perché «la Regione non saprebbe cosa farsene di una piattaforma televisiva», afferma Mauro Pili, e non c'è «alcun interesse pubblico a valorizzare questo progetto, in palese e inutile concorrenza con editori privati o società che fornirebbero lo stesso servizio a costi decisamente più bassi». Il deputato, già domani, presenterà una interrogazione urgente alla Camera e una nota informativa urgente al ministro dell'Economia - dal quale dipendono i fondi Por - per chiedere se questo «è l'utilizzo corretto delle ingenti risorse europee».

DATE E DETTAGLI. Se il subappalto a Media Factory, poi sfumato, valeva il 30 per cento di 60 milioni di euro (cifra mai confermata dagli interessati), questa volta risalire al finanziamento europeo è più complesso: Pili ha fornito un documento regionale del novembre 2006, nel quale si specifica che il totale degli investimenti è di poco superiore a 73 milioni di euro, con un massimo di 24 milioni e mezzo che potrebbero essere concessi alla proposta multimediale del consorzio, composto - come è noto - da 19 società, alcune delle quali inattive, ha sottolineato Pili, fino al subappalto con la Saatchi.

APRILE 2006. Nell'aprile del 2006 la Regione, dice il deputato, «chiede ai privati di chiedere finanziamenti e agevolazioni per realizzare questo progetto. E Sardegna Media Factory - dice Pili - con pochi mesi di vita, non aspetta altro: ad agosto 2006, il suo progetto è ammesso tra le iniziative innovative». A novembre 2006, quando la Regione già conosce i dettagli del subappalto, «in un altro ufficio della Programmazione si eleva il progetto della Media Factory a primo gruppo per la progettazione di contenuti multimediali». La primavera trascorre con i riflettori puntati sul caso Saatchi, l'11 aprile la Regione assegna i punteggi ai progetti. Fino a pochi giorni fa, il 2 agosto, quando la Giunta approva le graduatorie «con il presidente Soru che esce poco prima, lasciando all'assessore Mannoni il compito di presiedere».

IL DEPUTATO. Mannoni non si accorge, dice Pili, «che il provvedimento appena siglato era stato approvato poche ore prima dall'autorità di gestione, una contemporaneità mai accaduta prima». Il giorno prima di Ferragosto viene pubblicato il bando da 70 milioni «per finanziare quel tipo di progetti dove la Factory risulta essere primo gruppo di partenariato». Una corsa «con 40 metri di vantaggio, perché - sottolinea l'ex presidente - si premia chi costituisce una cordata rispetto a chi gareggia da solo». E i termini per cercarsi un partner «sono scaduti». Pili trasmetterà domani il suo dossier alla Procura della Repubblica.
19/08/2007 12:49

Fonte


Reply With Quote
  #2  
Old 08-22-2007, 06:47 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Berlusconi colpisce basso contro chi fà la concorrenza a Mediaset, e non solo!


Premesso che PILI e di FI e quindi servo dello psiconano è presto svelato il vero motivo del suo composrtmanto:a sue emittenza Silvio Berlusconi dà fastiso la conncorrenza mediatica e cerca di stopparla con ogni mezzo anche facendo un uso distorto della Giustizia.
Inotre essendo la giunta regionale sarda di csx ed avendo il presidente Soru attaccato i miliardari come Berlusconi e Briatore, che spacciando le loro lussuose ville ed attività commerciali in Costa Smeralda per agriturismi evadono 990 milioni di euro l'anno al fisco sardo, lo psiconano sperca cosi di prendere non 2 ma bensì 3 piccioni con una fava:
  1. Eliminare un concorrente diretto all sue aziende
  2. Discriminare una giunta regionale di csx e quin il csx in generale
  3. Eliminare un per lui pericolosissimo nemico/presidente di giunta che giurato guerra la signoragio locale.

Last edited by Malcom1875 : 08-22-2007 at 06:50 PM.


Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 03:44 AM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.