Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read






Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 09-24-2007, 07:03 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

La Trovata Populista di una futura candidata a Sindaco di Bari nel 2009


Prelevato da un intervento/commento sul sito di Beppe Grillo


Questi alcuni titoli dei più importanti quotidiani Pugliesi:“LICENZIATO MUORE DI INFARTO”-“FAMIGLIA CON 4 BIMBI SFRATTATA A BARI DORMONO SUL PIANEROTTOLO”-CONIUGI DISABILI SFRATTATI PER MOROSITA’ ”-“CIECO IN DIALISI GLI TAGLIANO L’ACQUA”--- DONNA SOLA E SENZA LAVORO SOTTO SFRATTO”.
Come evitare queste tragedie umane che colpiscono le nostre popolazioni ridotte a larve umane per la disumanità e l’incompetenza di un rozzo sistema politico che non assicura alcuna protezione sociale alle persone? Semplice: erogando a tutti i cittadini il MINIMO REDDITO VITALE GARANTITO. cioè un minima ma sufficiente somma mensile che assicuri a tutti il soddisfacimento dei fondamentali bisogni vitali. Come candidato sindaco alle prossime amministrative di Bari 2009 con la lista civica il PARTITO DELLE DONNE farò di questo obiettivo l’unico punto programmatico del governo metropolitano della città di Bari.
Queste sono le somme da erogare ai cittadini, senza che lavorino e facciano assolutamente nulla per averla.
Neonati da 0 a tre anni: 100 euro mensili
bambini da 3 a 6 anni: 150 euro m.
studenti da 6 a 10 anni: 200 euro m.
studenti da 10 a 13 anni: 250 euro m.
studenti da 13 a 18 anni: 300 euro m.
studenti da 18 a 26 anni: 350 euro m.
adulti da 26 a 40 anni: 400 euro m. SE NON GUADAGNANO 8000 EURO ANNUI
adulti da 40 anni in poi: 450 euro m. SE NON GUADAGNANO 8000 EURO ANNUI
Questa idea metterà fine allo sfruttamento, alla schiavitù da lavoro, al lavoro nero, al precariato, alla povertà, alla miseria, all’emigrazione dei giovani meridionali, al lavoro sottopagato, al lavoro minorile, agli infimi sussidi politicamente pilotati, alla microcriminalità per fame, alla delinquenza spicciola, al lavoro clandestino, alla prostituzione per fame e potrà far vivere dignitosamente tutti coloro che non hanno un lavoro e un reddito proprio.
PER RICEVERE IL PROGETTO DEL MINIMO REDDITO VITALE GARANTITO E ISCRIZIONE ALLA LISTA CIVICA INVIARE MAIL A:deluciacarlo@libero.it


Io ritengo che sia un pò populista come idea. Sarà anche carina ed apprezzabile nonchè ideologicamente condivisibile,ma considerando che Bari ha circa mezzo milione di abitanti di cui l'80% nelle su descritte condizioni? dove trova 120-150 milioni di euro? E' un budget altissimo per gli introiti di quella città!
Tent'è vero che la candidata furbescamente non indica da dove preleverà cotanta prosperità!


Reply With Quote
  #2  
Old 09-24-2007, 07:40 PM
romans romans is offline
Senior Member
 
romans's Avatar
 

Join Date: Jan 2006
Location: Roma
Posts: 2,461
romans is on a distinguished road
Default

Ad esempio leggevo (ma non lo trovo) che perchè molte persone senza lavoro ricevano 600 euro al mese basterebbe solo ridurre ad esempio di un po' le spese degli armamenti, ma ripeto non ricordo bene ma qualcosa di simile (non so perchè ma mi vengono in mente certe missioni di "pace").

Ora non è affatto mia intenzione fare "demagogia" (che brutta parola), perchè il discorso è assai complesso, dovrebbe essere l'intero sistema a essere messo in discussione, voglio solo ricordare ciò che avveniva in Israele sotto la legge mosaica, dove ogni "coltivatore" ad esempio era tenuto a lasciare gli ultimi due metri (credo all'incirca) della sua coltivazione a disposizione di chi ne avesse avuto bisogno, non ricordo se sempre o in tempi specifici, a sottintendere una "vera" cultura della solidarietà. Per non parlare del"vero" giubileo al quale oggi la chiesa si rifà dove ogni 25 anni venivano azzerati tutti i debiti in modo da poter riemergere.


Reply With Quote
  #3  
Old 09-24-2007, 08:00 PM
travis bickle travis bickle is offline
Senior Member
 

Join Date: Jan 2007
Location: Roma
Posts: 2,761
travis bickle is on a distinguished road
Send a message via MSN to travis bickle Send a message via Yahoo to travis bickle
Default

Populista è populista,condivisibile un pò meno...


Reply With Quote
  #4  
Old 09-24-2007, 10:46 PM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default

Io direi di lasciar stare quest'etichettature alla stampa....e porsi soltanto una domanda è attualizzabile o no? Se non è attualizzabile è ovviamente una stronzata, in caso contrario non saprei che accezione dare al termine populista, ben venga allora. Che vuol dire populista? Anche la riduzione delle tasse è populismo o è semplicemente una str0nzata, presa per i fondelli? Per quello che si è visto sin ad ora opterei per la seconda!


Reply With Quote
  #5  
Old 09-25-2007, 04:47 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Ho inviato una mail al candidato ed ecco la sua risposta

----- Original Message -----
From: "deluciacarlo" <deluciacarlo@libero.it>
To: ********
Sent: Monday, September 24, 2007 10:26 PM
Subject: PARTITO DELLE DONNE minimo reddito vitale garantito


Egregio sig.******* la mia proposta può apparire utopistica e non realizzabile, ma la storia insegna che le utopie passate sono diventate le realtà del presente.Poco più di un secolo fa anche il volare, andare sulla luna ed esplorare lo spazio erano grandi utopie.Chi avesse vissuto allora nascendo oggi sarebbe impazzito dalla meraviglia. Anche la distruzione planetaria attraverso un clik nucleare era considerata una impensabile utopia; un'utopia perfettamente realizzabile già adesso se qualche insano di mente **** sul piedistallo del potere. Tuttavia per non continuare all'infinito con le "utopie distruttive" discuterò sulle "utopie costruttive".
Preliminarmente le "giro" alcune dichiarazioni raccolte dai vari commenti del blog di grillo:
Diego d'Andria
uovooggi.blogspot.co
così scrive:
Le soluzioni adottate dai politici italiani sino ad oggi sono state:
- assumere gente nel settore pubblico, anche se inutile (la qual cosa favorisce anche un forte clientelismo);
- consentire il lavoro precario: stagionale, temporaneo, part-time, interinale, ecc.;
- lasciare che molti settori soffrano di inefficienze e asimmetrie informative (anche favorite da una giungla di leggi), così che si possa far proliferare il settore della consulenza e vari livelli di intermediazione.
Se le suddette strategie, come è evidente dai risultati, non funzionano, qual è la via da seguire?
Secondo me, e secondo molti illustri colleghi economisti, bisogna introdurre un reddito minimo garantito, corrisposto dallo stato mese per mese, attraverso il quale sostenere i consumi e i redditi dei non occupati.
Questo strumento consentirebbe:
- di licenziare i fannulloni nei settori pubblici;
- di riformare seriamente la previdenza sociale, sostituendo INPS, CIG, ecc.
- di avere un mercato del lavoro davvero flessibile;
- di ridurre la propensione al risparmio, in Italia fra le più alte al mondo;
- di ridurre drasticamente la criminalità (secondo J. Rifkin, la criminalità organizzata è oramai il "datore di lavoro di ultima istanza" in tutti i paesi industrializzati).
Uno strumento come il Reddito minimo garantito costa troppo?
In altri paesi, come Svezia, Francia e Danimarca si è già fatto qualcosa di simile.
Secondo i migliori studi economici, è proponibile anche in Italia con una riforma ben calibrata e senza aumentare le tasse.

Cordialmente
Diego d'Andria
uovooggi.blogspot.co

Un'altro amico del blog scrive:
Certo che il Signor de Lucia ha ragione; IL SUSSIDIO STATALE (questa é la parola giusta) ASPETTA OBBLIGATORIAMENTE a tutti gli italiani E RESIDENTI IN PATRIA che hanno un reddito minimo di sopravvivenza, appunto circa 8.000 Euro all'anno. Qui in Olanda, in Belgio, in Germania, in Spagna, in Inghilterra, il suddetto sussido é elargita giá da tren'anni e passa. Vedere il blog sul "La Stampa" di Torino alla voce nominativa del bloggista A.MA.LO.
Le istituzioni nascondono i nostri diritti e non danno informazione su ció che ci aspetta obbligatoriamente. Credo che bisogna, chi ne ha diritto, di inoltrare una marea di domande del suddetto sussidio e se questo venisse negato, fare una marea di denuncie contro lo Stato Italiano. Strasburgo docet.
Svejateveeeeee!!!!!!!!

Come può ben leggere il MINIMO REDDITO VITALE GARANTITO è già in uso da molti anni in alcuni paesi Europei certamente più socialmente evoluti e più intelligenti del nostro, ed è caldeggiato da diversi economisti di fama.
Ma... mi fermo qui invitandola soltanto a riflettere sul fatto che nel nostro astuto paese esiste una reale volontà politica che non intende intraprendere questa strada per continuare ad avere il potere e il dominio di un uomo su un altro uomo, e di un gruppo su altri gruppi.Dobbiamo invece essere fermamente consapevoli che questo problema umano, cioè quello di assicurare ad ogni cittadino una somma mensile per i suoi minimi e primari bisogni esistenziali, è di gran lunga inferiore ad altri problemi più gravi e complessi che siamo abituati a risolvere in ogni campo scientifico, tecnico e industriale.Noi abbiamo risolto e continuiamo a risolvere e superare,innumerevoli ostacoli di ogni natura e dimensione legati ai vari campi e in diverse attività di carattere tecnico, scientifico, produttivo e industriale, arrivando persino ad elaborare calcoli e sistemi estremamente complessi per le basi spaziali e interplanetarie; senza contare che nessun serio ostacolo tecnico, scientifico e progettuale ha impedito all'uomo contemporaneo di costruire ordigni atomici e nucleari di inaudita potenza per i suoi fini di conquista e di grandezza.Tuttavia gli uomini quando si trovano di fronte ai problemi umani le soluzioni e le risoluzioni sono sempre impossibili; come mai? La verità è semplice,l'uomo vuole il potere sull'altro uomo.Studiare un meccanismo economico per consentiriel'erogazione del MINIMO REDDITO VITALE GARANTITO per tutti è uno dei più semplici, fattibili e risolvibili dei problemi se c'è la volontà e l'intelligenza politica di realizzarlo.La verità è che esiste una volontà politica occulta volta a a ritardare e impedire la risoluzione dei problemi umani.
Detto questo non mi resta altro che salutarla comunicandole che in allegato le trasmetto il progetto del MINIMO REDDITO VITALE GARANTITO.Le auguro buona lettura e, nel ringraziarla di avermi contattato, spero di rileggerla al più presto. Con grande affetto e stima, Carlo de Lucia.



E questo è che gli ho risposto per mail


Ho letto la sua mssiva...sono convinto che la sua sia una buona prposta ma il punto è dove trovare i fondi. Non basta dire che è fattibile bisogna specificare nel dettaglio dove prendere i soldi. Ricorda come Berlusconi attaccò Prodi sulla prosta di riduzione di 5 punti del cuneo fiscale durante la campagna elett****e delle Politiche del 2006?
La stessa cosaà accadrà alei durante la sua di campagna elett****e!
Quanto allapubblica amministrazione non è licenziando i fannulloni che si recupera efcienza: il problema è l'organizzazione del laovoro,la preparazione degli addetti nonchè il fatto di essere spesso sottorganico specie nelle P:A. loclai. Io ci ho lavorato e spesso ho smaltito moli di alvoro arretrato che i colleghi non han potuto svolgere per mancanza di tempo ed organizzazione.
Bisogna incentivare la produzione con il contratto a rendimento: fisso più premio produzione proporzionale.
Sono contrario a riformare l'Inps e quanto agli ammortizzatori sociali bisogna evitare gli abusi disintivandone l'uso a scopo di delocalizzzaione.
Anche per il mercato del lavoro il disocorso è lo stesso.siamo alla massima flessibilità possibile e pure oltre,bisogna disincentivare le aziende a fare il minor uso possibile del tempo determinato. la vera felssibilità va fatto in termine di orari e part time!
ça propensiaine al risparmio si fà incetivando le imprese agli investimenti,combattendo il precariato e aumentando l'occupazione e quindi il PIL nazionale!

Distiniti Saluti


Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 07:27 AM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.