Go Back   Forum > OT-Forum > Società e Politica

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read






Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 01-11-2008, 03:42 AM
ac171073 ac171073 is offline
Senior Member
 
ac171073's Avatar
 

Join Date: Apr 2007
Location: Osaka (Giappone)
Posts: 578
ac171073 is on a distinguished road
Default

Ancora su Grillo...


Visto che ormai mi sono guadagnato l'appellativo (meritato ) di "detrattore di Grillo", apro un nuovo thread sull'ultima polemica che ha coinvolto il nostro caro Paladino degli Italiani Oppressi:

L'intervista mai fatta a Beppe Grillo

Condivido al 100% i tre punti finali dell'autore dell'articolo sul "modus operandi" di Grillo. Aggiungerei un punto numero 4, di cui io sono convinto da tempo (anche se ovviamente pochi di voi saranno d'accordo con me):

Quarto: Grillo e' solo una "faccia", usata per via del suo forte impatto mediatico (soprattutto internettistico) e del suo carisma, oltre che della sua notorieta' e del suo passato di comico. Dietro a Grillo c'e' qualcuno che, da perfetto burattinaio, ne tira i fili: scrivendogli battute e post sul blog, preparando e organizzando le sue apparizioni, studiando tempi e modi dei suoi monologhi e delle manifestazioni popolari organizzate a nome suo. Per questo Grillo si rifiuta di apparire in dibattiti o interviste, ma fa solo ed esclusivamente monologhi scritti o parlati (qualcuno di voi si ricorda per caso una qualsivoglia intervista recente fatta a Grillo, contenente un vero contradditorio?)
Chi sia il "burattinaio"? Questa, ragazzi, e' la vera domanda che dovremmo farci...

Ok, e' fatta... ora, come al solito, mi sono attirato contro gli strali inferociti di buona parte di voi... com'e' difficile, in questo mondo, pensarla in modo differente dalla massa...
Comunque ve lo chiedo lo stesso: voi cosa ne pensate??


Reply With Quote
  #2  
Old 01-11-2008, 09:38 AM
alma alma is offline
Moderator
 
alma's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Posts: 5,959
alma is on a distinguished road
Default

Si comincia sempre così,poi si inizia a sussurrare che porta nera...
Facile supporre,usar condizionali,i "si dice" e tutti i mezzi deresponsbilizzanti(penalmente) che usan i mezzibusti televisivi ed i penivendoli...
Insomma:se lo si sa si parla e se no si sta zitti!
__________________
FreeIPTVforFreePeople
P2PTV?...incomincia da qua.
Perché non continuar così...e poi magari registrare?
Se hai domande...te lo cerco io
La (R)esistenza continua


Reply With Quote
  #3  
Old 01-11-2008, 10:13 AM
mimmo-44 mimmo-44 is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2006
Location: germania
Posts: 936
mimmo-44 is on a distinguished road
Default

La mia risposta!


Se non sei mai stato ad un spettacolo di Grillo prima di queste sue apparizioni nelle piazze non avresti posto questo quesito.A Grillo io penso che i testi non glieli scriva nessuno non ne ha bisogno,lui dice quello che in realta"vede che a volte alla massa sfugge,ed i media che non te la dicono ho per convenienza politica o per interesse della categoria.P.S. Non sono un sostenitore di Grillo, spesso dice delle cose giuste, ma a volte esagera tanto che un moderato interlocutore a volte giustamente lo rimprovera di populismo.Che poi dopo queste sue apparizioni qualcuno ne vuol trarre profitto questo non lo escludo ma non credo che sia stato programmato da lui,lui sa bene che in politica ci sono tanti coccodrilli pronto a ingoiarselo.La mancanza delle interviste sta nel fatto che i media (sottoposti ai politici) se ne riguardano perche Grillo e"un personaggio scomodo a tutte le direzioni politiche,riguardo un inferocimento da parte mia non ne vedo il caso,io rispondo ad un quesito rispettando le idee degli altri,di solito le mie rimangono sempre, ma sono sempre disposto a cambiarle se mi sara"data una valida risposta giudicandola da ogni prospettiva.


Reply With Quote
  #4  
Old 01-11-2008, 05:51 PM
Malcom1875 Malcom1875 is offline
Senior Member
 

Join Date: Apr 2007
Location: Torino
Posts: 1,482
Malcom1875 is on a distinguished road
Send a message via MSN to Malcom1875
Default

Quote:
Originally Posted by mimmo-44
Se non sei mai stato ad un spettacolo di Grillo prima di queste sue apparizioni nelle piazze non avresti posto questo quesito.A Grillo io penso che i testi non glieli scriva nessuno non ne ha bisogno,lui dice quello che in realta"vede che a volte alla massa sfugge,ed i media che non te la dicono ho per convenienza politica o per interesse della categoria.P.S. Non sono un sostenitore di Grillo, spesso dice delle cose giuste, ma a volte esagera tanto che un moderato interlocutore a volte giustamente lo rimprovera di populismo.Che poi dopo queste sue apparizioni qualcuno ne vuol trarre profitto questo non lo escludo ma non credo che sia stato programmato da lui,lui sa bene che in politica ci sono tanti coccodrilli pronto a ingoiarselo.La mancanza delle interviste sta nel fatto che i media (sottoposti ai politici) se ne riguardano perche Grillo e"un personaggio scomodo a tutte le direzioni politiche,riguardo un inferocimento da parte mia non ne vedo il caso,io rispondo ad un quesito rispettando le idee degli altri,di solito le mie rimangono sempre, ma sono sempre disposto a cambiarle se mi sara"data una valida risposta giudicandola da ogni prospettiva.

Io sono d'accordo con te.. non credo vi sia un buratinaio dietro Grilo, al massimo posso pensare che la sua sia una trovata commerciale come qualche giornale ha paventato.
Su certe cose sono d'accodo con lui, su altre invece no. A volte fà troppo chiasso e dovrebeb fare qualche cpntradittorio. Se pensa di fare delle liste civiche con il suo nome per elezioni ,non può evitare il confronto tet-a-tet per sempre.


Reply With Quote
  #5  
Old 01-11-2008, 10:42 PM
romans romans is offline
Senior Member
 
romans's Avatar
 

Join Date: Jan 2006
Location: Roma
Posts: 2,461
romans is on a distinguished road
Default

Quote:
Originally Posted by ac171073
Visto che ormai mi sono guadagnato l'appellativo (meritato ) di "detrattore di Grillo", apro un nuovo thread sull'ultima polemica che ha coinvolto il nostro caro Paladino degli Italiani Oppressi:


domanda: quale italiano è più oppresso di chi fugge all'estero?

Quote:
Originally Posted by ac171073
Ok, e' fatta... ora, come al solito, mi sono attirato contro gli strali inferociti di buona parte di voi... com'e' difficile, in questo mondo, pensarla in modo differente dalla massa...




Quote:
Originally Posted by ac171073
Comunque ve lo chiedo lo stesso: voi cosa ne pensate??


"Grandi menti parlano di idee, menti mediocri parlano di avvenimenti, menti piccole parlano di persone." (Eleanor Roosevelt)

Mi spiego: io di regola non vado a vedere e non pago per uno spettacolo di Grillo, non scrivo sul suo blog perchè non mi piace il fatto che non comunichi mai e in nessun modo con chi scrive seppur abbia migliaia di utenti, non mi piace che non si conosca chi moderi nel suo blog, neppure i loro nick, non compro i suoi DVD, non faccio parte di nessun meetup, ma molte delle sue idee le condivido.

Completamente daccordo con lui che le domande di Giglioli sono chiaramente offensive, ma per l'intelligenza di chi le pone se non fosse in malafede ...e la sua, chiamiamola gaffe, sull'Internazionale ne è solo un timido esempio così come quando ne approfitta per generalizzare dicendo: "Attenzione, ragazzi, perché se questo è il futuro della politica in Rete fa veramente schifo". Mah, comunque che Beppe Grillo sia un monologhista non è certo una novità ma che non ha argomenti non è minimamente vero e non ne servivano molti per rispondere a Giglioli e ad ogni modo non si è candiadato a rappresentare nessuno.

Poi il blog stesso offre di per sè un contraddittorio, perchè metti i tuoi pensieri a disposizione di "chiunque" in modo civile voglia esprimere la sua opinione visibile a tutti e in un modo e o nell'altro ne dovrai tenere conto, cosa questa che pochissimi "politici" si son guardati bene dal fare. Poi pensa che ho letto poco tempo fa che lo criticavano perchè sul suo blog veniva dato spazio anche a commenti razzisti di naziskin solo perchè sti mod non riescono a stargli dietro (?). Ma io comunque ti ripeto, gradirei qualcosa di diverso.

In conclusione come fa le cose o dove vuole arrivare o se ha qualcuno dietro a me non interessa, è semmai un problema di chi vuole farselo paladino (ma bisognerebbe vedere anche cosa si intende per paladino) e di chi si interessa tanto di criticare il suo "modus operandi" anzichè le sue idee.

p.s. a proposito, per le tue irresistibili brame (il quarto punto) puoi provare a sfogarle qui se ne hai così tanto bisogno.

Last edited by romans : 01-11-2008 at 11:15 PM.


Reply With Quote
  #6  
Old 01-12-2008, 02:48 AM
breunzo breunzo is offline
Senior Member
 

Join Date: Oct 2005
Location: Serapo beach
Posts: 1,152
breunzo is on a distinguished road
Default

Penso che le battute siano le sue, ma avrà di sicuro un numero di collaboratori che raccolgono informazioni, che lo aiutano a portare avanti la macchina del blog e che scrivono al posto suo previa consultazione. Ci fu un periodo che conobbe il prof. Auriti attraverso il quale apprese i lati oscuri del funzionamento della moneta e promulgò in quel periodo tutti i suoi insegnamenti attraverso gli spettacoli, adesso con i rifiuti è uscita l'intervista al professore di chimica ambientale americano, uno dei tanti esperti o consulenti a cui si rivolge per imparare ed apprendere idee virtuose. Perchè non ricordare anche Stigliz, il premio nobel dell'economia. Fa amicizia con questi personaggi e trae spunto dai loro insegnamenti per affrontare gli argomenti con la dovuta padronanza. Se esiste qualcuno dietro di lui che miri a secondi fini non saprei, per ora quello che importa sono le idee, le proposte, le trattazioni


Reply With Quote
  #7  
Old 01-12-2008, 06:04 PM
caneca80 caneca80 is offline
Senior Member
 

Join Date: Sep 2005
Posts: 162
caneca80 is on a distinguished road
Default

Non credo che Grillo lo faccia apposta a non farsi intervistare o ha presenziare a dibattiti ma è solo una mossa politica che guarda caso controlla i giornalisti.
Quando ha detto davanti al parlamento europeo che avrebbe organizzato il V-DAY i giornalisti l'hanno quasi snobbato invece di cercarlo per intervistarlo?


Reply With Quote
  #8  
Old 01-15-2008, 03:43 AM
ac171073 ac171073 is offline
Senior Member
 
ac171073's Avatar
 

Join Date: Apr 2007
Location: Osaka (Giappone)
Posts: 578
ac171073 is on a distinguished road
Default

Quote:
Originally Posted by romans
p.s. a proposito, per le tue irresistibili brame (il quarto punto) puoi provare a sfogarle qui se ne hai così tanto bisogno.


Interessante, molto interessante...

Qui non si tratta di "averne o non averne bisogno"... si tratta di PENSARE, di ragionare, di riflettere... di capire che qualsiasi fenomeno mediatico "esplosivo" come Mr. Grillo non nasce per caso o per volonta' del "popolo" (ma quando mai?), ma perche' c'e' qualcuno o qualcosa, molto piu' in alto di lui, che lo fa nascere e lo da' da bere alla gente.

Nessuna rivoluzione, nella storia, e' mai stata fatta veramente dal popolo. Tutte le volte che si racconta di una rivoluzione "popolare" che ha sovvertito un governo, una tirannia o uno Stato, c'era sempre qualche potere forte dietro che ne tirava le fila e usava il popolo come strumento e come pretesto (fatemi un esempio contrario se lo trovate...) Tutte le volte che il popolo ha provato DA SOLO a farsi la rivoluzione, e' finito tutto in un bagno di sangue e/o in un nulla di fatto.

E sia pur cosi' del "grande" ( ) Beppe Grillo....


Reply With Quote
  #9  
Old 01-15-2008, 09:24 AM
alma alma is offline
Moderator
 
alma's Avatar
 

Join Date: Nov 2005
Posts: 5,959
alma is on a distinguished road
Default

E' un pericolo realmente possibile,concordo.Resta da scoprir chi c'è dietro(se c'è al momento)e chi eventualmente si mette a strumentalizzare.
Ma fin che da voce ad un "popolo" che è stufo di sopraffazioni(si pensi solo alla mancanza di giustizia per via della praticamente assente Giustizia,compito primario e prioritario di un qualunque Stato)non posso che provar simpatia e schierarmi accanto e quindi ad incoraggiar di dargli il benvenuto.O a chi mai glielo si può dare?Al prof.Ratzinger che va a pontificare alla Sapienza?...per quanto anche qui forse è meglio attender per non cader nei pregiudizi....potrebbe anche andar a dichiarare la messa a disposizione da parte delle finanze vaticane di una somma per il Comune di Roma ai fini di eriger un monumento a Giordano Bruno in Campo de'Fiori...
__________________
FreeIPTVforFreePeople
P2PTV?...incomincia da qua.
Perché non continuar così...e poi magari registrare?
Se hai domande...te lo cerco io
La (R)esistenza continua


Reply With Quote
  #10  
Old 01-15-2008, 04:39 PM
romans romans is offline
Senior Member
 
romans's Avatar
 

Join Date: Jan 2006
Location: Roma
Posts: 2,461
romans is on a distinguished road
Default

Quote:
Originally Posted by ac171073
Interessante, molto interessante...

Qui non si tratta di "averne o non averne bisogno"... si tratta di PENSARE, di ragionare, di riflettere... di capire che qualsiasi fenomeno mediatico "esplosivo" come Mr. Grillo non nasce per caso o per volonta' del "popolo" (ma quando mai?), ma perche' c'e' qualcuno o qualcosa, molto piu' in alto di lui, che lo fa nascere e lo da' da bere alla gente.

Nessuna rivoluzione, nella storia, e' mai stata fatta veramente dal popolo. Tutte le volte che si racconta di una rivoluzione "popolare" che ha sovvertito un governo, una tirannia o uno Stato, c'era sempre qualche potere forte dietro che ne tirava le fila e usava il popolo come strumento e come pretesto (fatemi un esempio contrario se lo trovate...) Tutte le volte che il popolo ha provato DA SOLO a farsi la rivoluzione, e' finito tutto in un bagno di sangue e/o in un nulla di fatto.

E sia pur cosi' del "grande" ( ) Beppe Grillo....


Beh, se hai letto bene l'articolo, l'autore pone il DUBBIO (perchè di sospetto c'è "l'editore" di Grillo, che in Internet vuol dire poco o nulla) che potrebbe essere usato, forse consapevolmente forse no, sei tu piuttosto che dai l'impressione di volerci vedere per forza del losco, che non è mai da escludere ci mancherebbe, ma che tu abbia il "bisogno" di demolire il personaggio mi par più che evidente perchè parti dal concetto che deve "per forza esserci qualcosa o qualcuno più in alto di lui", ma per dimostrarlo questi elementi (e da soli) sarebbero un po' pochini, insomma del puzzle che vorresti costrure mancano un bel po' di tasselli e di più corposi non credi?

Ora se mi permetti ti riporto un "modus pensandi" di un componente dei meetup a risposta dell'articolo dell'espresso che a grandi linee condivodo (un po' lunghetto) dal quale spero trarrai le conclusioni suggerite.

Quote:
"Gentilissimo Gilioli,

Innanzi tutto volevo ringraziarLa veramente tanto per l’articolo che ha scritto sul blog de L’Espresso e La ringrazio anche una seconda volta per aver pubblicato il suo indirizzo.
E’ una lettera un pò lunga, spero abbia la pazienza di leggerla tutta, perchè credo di avere dati e opinioni interessanti da comunicarLe, da chi vive questo movimento in primissima persona.

Mi chiamo Leonardo Roli, ho 21 anni, studio Architettura e sono uno degli Assistant Organizers del MeetUp “Amici di Beppe Grillo” di Modena, nonchè membro del 533, il MeetUp principale, che coordina il lavoro di tutti i MeetUp d’Italia. Nel caso non lo sappia i MeetUps sono gruppi di incontro composti da cittadini qualsiasi che si occupano di discutere temi proposti sul blog di Grillo e non; di monitorare la politica e l’amministrazione locale, delle singole città e province e di cambiare attivamente qualcosa. Per farle un esempio concreto, a Modena, assieme ad altre associazioni della città, abbiamo presentato ricorso al TAR contro il raddoppio dell’inceneritore, e abbiamo vinto. E’ dalla cooperazione di tutti i MeetUps italiani che è stato creato il primo V-Day e adesso ci stiamo organizzando per preparare il secondo. Negli ultimi mesi alcuni MeetUp si sono costituiti in associazioni, perchè in questo modo sono maggiormente tutelati dalla legge ed hanno più diritti. L’obbiettivo finale è di presentarsi come lista civica alle elezioni comunali della propria città. I MeetUps dei “grillini” sono presenti in circa 290 città italiane e in quasi 40 città (spesso capitali) sparse per il mondo.

Vista l’opportunità mi piacerebbe provare a chiarire con lei, dato che finalmente c’è qualcuno che si interessa intelligentemente dell’argomento, alcune cose.

Prima fondamentale premessa: Il “popolo dei grillini” non è nè di destra nè di sinistra. Se ci si basa su un mero calcolo statistico risulterà probabilmente una componente maggiore di derivazione sinistriana, ma questo è poco indicativo; chi si avvicina a Grillo si allontana eoni-luce dalla classificazioni e degli pseudo-schieramenti della politica italiana e mondiale.
Seconda fondamentale premessa: Il “popolo dei grillini” non è di centro. Berlusconi è di centro. Prodi è di centro. Ci stanno loro al centro, noi no.
Dove siamo allora? Decida Lei, sopra, sotto, in un’altra dimensione, ma non classificateci secondo gli usuali canoni.
Terza fondamentale premessa: Il “popolo dei grillini” è composto da tutti gli strati sociali, e da persone di cultura medio-elevata. Persone che leggono libri, riviste e giornali. Soprattutto da persone che sanno. Che sanno quello che alcuni cercano di nascondere e che sanno distinguere una notizia falsata o edulcorata. E’ inutile dire “ma non è vero, certi giornali non mentono” o “mentono meno”. Non ci interessa, noi sappiamo e basta, che nessuno cerchi di mentire a noi. Lei adesso si starà chiedendo allora il perchè di tanto turpiloquio nei commenti ai post di Grillo o nelle email che -immagino- Le stiano arrivando. Prima di tutto mi scuso per queste persone.. ma d’altronde di deficienti e di ignoranti (con l’accezione più etimologica dei suddetti termini) ne è piena la destra, come la sinistra, come il centro.. E ci toccano anche a noi.
Il “popolo dei grillini” non è violento e non costituisce alcun tipo di minaccia, siamo più pacifici di Gandhi. Lo scorso otto Settembre in Piazza Maggiore a Bologna c’erano (secondo certe fonti 50.000 persone) 250.000 persone. Su queste 250.000 persone UNA sola ha sventolato UNA bandiera. Gli è stato chiesto di abbassarla e non si è vista più nulla sventolare per aria. Questo aneddoto, a mio avviso, è estremamente significante; che 249.999 persone, di loro spontanea volontà, non portino simboli ad una manifestazione è cosa assai rara. C’era un oceano di persone, e non un oceano di putride ideologie imposte da partiti vecchi di mezzo secolo almeno. La prego di riflettere molto su questa cosa. Come già detto i MeetUps sono assolutamente pacifici e quando muovono un passo lo fanno sicuri di muoverlo in direzione della più totale legalità, nel rispetto dell’altrui e dell’etica. Tuttavia non mi sento di escludere che in un futuro, se le cose non prenderanno una piega diversa, certe frange di certi MeetUps possano degenerare nella violenza. Mi auguro di no, ma questo accomuna ogni movimento politico della storia.

Una cosa importantissima che è necessario comprendere è che il “popolo dei grillini” non dipende dalla figura di Beppe Grillo. Non è il nostro leader. Lo ripeto: non è il nostro leader. Grillo ha la sola funzione di dare voce a noi. Quello che scrive sul suo blog, se non sono commenti a notizie nazionali, viene da quello che noi gli riportiamo. Lui ha il merito di aver risvegliato tante coscienze assopite, di aver portato alla luce cose che altri cercavano di tenere nascoste, e di aver creato la rete dei MeetUp. Lui ci è servito da catalizzatore, e ci serve tuttora per tenerci uniti, ma noi siamo autonomi ed indipendenti. Se domani si scoprisse che in realtà Grillo è un mafioso o che so io, noi prenderemmo immediatamente le distanze, ma continueremmo ad esistere. Certo è che una figura così carismatica come la sua gioca un ruolo non da poco nella motivazione e nella coesione di tutti noi. Oltretutto i “grillini” non sono sempre d’accordo con quello che Grillo scrive o dice. Io stesso gli critico molti aspetti del suo modo di fare e penso che umanamente siauna persona doppia, come del resto ha dimostrato permettendosi di risponderle in quel modo quando gli ha telefonato per la seconda volta. Ecco, noi grillini dissentiamo da questi suoi comportamenti. Certo, è’ ovvio che lui ha degli interessi da difendere. Lei scrive: >. Non credo che sia questo il punto. Grillo di argomentazioni ne ha a bizzeffe. Il punto lo ha centrato qualche riga dopo: >. Condivido in pieno. Lui ha bisogno di erigere un bastione intorno a se per contribuire alla creazione ed al mantenimento del suo personaggio. Ma è una battaglia, e questa è la sua tattica di guerra. In molti sono quelli che tra noi non la condividono, io in primis. Ma se Lei dovesse fare un bilancio: meglio un Italia con Grillo o meglio un Italia dove Craxi è un eroe nazionale, Berlusconi non ha mai avuto rapporti con la mafia e Mangano era solo uno stalliere, la P2 è fantascienza, Ustica è stato solo un incidente casuale, nella Strage di Piazza Fontana lo Stato non c’entra, e chi più ne ha, più ne metta? Questo è un compromesso, e per essere un compromesso credo che ci stia andando molto grassa con Grillo, nonostante i suoi difetti.
Mi permetto di correggerLa su una cosa: Grillo, nè tantomeno noi, detestiamo i giornali a priori. Noi siamo contrari ai giornali come sono oggi. Il giornale è una delle invenzioni più geniali della storia dell’uomo. Il giornale dovrebbe essere lo strumento più nobile della democrazia, quello da cui tutto parte; la libertà di poter essere informati! E’ dalla conoscenza che nasce la libertà! Ma oggi non è così. Non è così in Italia e non è così in nessun paese del Mondo. Come possono Il Foglio o Il Giornale essere considerati i fautori dell’Informazione quando sono in mano ad uno degli uomini più ricchi e potenti del pianeta, un uomo con quasi un centinaio di processi in corso? Come può La Repubblica essere considerato un giornale libero quando più e più pagine sono occupate dalla pubblicità dell’UNIpol? Come può essere libera l’informazione in un paese in cui è stato scritto il Manuale Cencelli?? In un paese che è tra i più grandi sviluppatori della strategia della paura? E non dimentichiamo che noi non stiamo lottando contro i giornali, ma contro l’attuale sistema informativo. Sono più colpevoli le televisioni dei giornali, per una semplice questione di numeri. I telespettatori, purtroppo, sono infinitamente di più dei lettori di giornali e riviste.
C’era un documentario, credo di Deaglio, di cui non ricordo il titolo, in cui un gruppo di giornalisti raccontava alla telecamera che in redazione arrivano puntualmente degli avvisi, nei quali veniva detto di cosa scrivere, come scriverlo, di cosa non è concesso scrivere, e che ordine dare alle notizie. Non negatele queste cose, cominciate a farvi sentire! Avreste il potere di ribaltare questo sistema, fatelo! Iniziate a scrivere la verità. Abbandonate la retorica e la parzialità.

Le do uno spunto: invece di fare un articolo sul reticente Grillo, faccia una di quelle belle inchieste, come solo L’Espresso sa fare, su quelle decine di migliaia di persone che stanno cercando di far rivivere questo paese. I MeetUp sono il movimento, non Grillo. Grillo è solo un personaggio, Grillo è la facciata. Date voce agli italiani, non a un personaggio!

Spero che abbia avuto la pazienza di leggermi fino a qui, La ringrazio ancora
I miei più distinti saluti"

Last edited by romans : 01-15-2008 at 05:00 PM.


Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump


>

All times are GMT +2. The time now is 11:34 AM.


Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.