Forum

Forum (https://www.coolstreaming.us/forum/)
-   Società e Politica (https://www.coolstreaming.us/forum/societa-e-politica/)
-   -   canone rai anche per il computer (https://www.coolstreaming.us/forum/societa-e-politica/94471-canone-rai-anche-per-il-computer.html)

corso 02-24-2008 03:56 PM

Quote:
Originally Posted by magikoMILAN1982
... è meglio se restiamo con solo un paio di mutande addosso... :o :mad:


questo discorso vale piu` per la yespica :p che per te, magiko. con tutto il rispetto. :D :D :D :D

pietrosanero 02-24-2008 05:08 PM

Quote:
Originally Posted by ramengo
A proposito di questo ma a voi i canali rai si vedono bene?... no perchè io pago il canone rai e da due settimane circa raidue non si vede bene e ieri ho notato che anche raitre sta prendendo la strada di raidue... :mad: secondo me alla fine anche raiuno prenderà la stessa strada degli altri 2 canali così se lo scordano che io paghi il canone. :mad:

il tuo problema è che paghi il canone!
x questo non vedi niente!

:D :D :D

petrescu 02-24-2008 05:11 PM

Quote:
Originally Posted by corso
sono sicuro che hai ragione petrescu. :)

ma c`e` ancora la tassa sul fuoco in italia? tipo accendini, fiammiferi ecc...??? :confused:

sui fiammiferi c'è il monopolio. sugli accendini non saprei sinceramente dato che il bollino appiccicato non c'è

breunzo 02-24-2008 06:59 PM

Quote:
Originally Posted by petrescu
sui fiammiferi c'è il monopolio. sugli accendini non saprei sinceramente dato che il bollino appiccicato non c'è


Sugli accendini c'è la tassa sul "Vù Cumprà" :D

zibibbo 02-24-2008 07:03 PM

quindi anche per chi ha il cellulare di ultima generzione? visto che hanno la radio e si prendono le stazioni radio rai?
mah...

tiolucas73 02-24-2008 07:18 PM

Quote:
Originally Posted by breunzo
Sugli accendini c'è la tassa sul "Vù Cumprà" :D


la preferita di BORGHEZIO!!!

petrescu 02-25-2008 12:10 AM

Quote:
Originally Posted by zibibbo
quindi anche per chi ha il cellulare di ultima generzione? visto che hanno la radio e si prendono le stazioni radio rai?
mah...

sì, proprio così

mimmo-44 02-25-2008 09:16 AM

Caro Magiko!
 
se vuoi rimanere in mutande, metti quelle di acciaio corazzate anticarro ,perche questi son capaci di tutto!!! :D :D :rolleyes: :rolleyes:

staff 02-25-2008 01:37 PM

A DISTANZA di settant'anni, qualsiasi tassa o balzello imposto in forza di un regio decreto del 1938 risulterebbe tanto anacronistico quanto iniquo e inaccettabile. E a maggior ragione lo è, o almeno così appare, la richiesta di pagare il canone Rai rivolta a chiunque detenga un "apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni", con la pretesa di comprendere in questo armamentario perfino i personal computer dotati di una scheda video e addirittura i videofonini.

In primo luogo, perché la norma parla letteralmente di "radioaudizioni" e quindi andrebbe come minimo corretta e aggiornata; in secondo luogo, perché la funzione principale e spesso esclusiva di questi apparecchi non è quella di ricevere programmi televisivi, bensì comunicazioni telematiche o telefoniche.

Per esigere il canone Rai, bisognerebbe dimostrare perciò che pc e telefonini vengono utilizzati come un televisore e per il tempo in cui ciò eventualmente avviene. Tanto più che per collegarsi a Internet o a una qualsiasi rete telefonica, occorre già abbonarsi a un "provider" pagando direttamente o indirettamente i relativi consumi. È semmai ai fornitori di connessione che l'azienda di Stato dovrebbe chiedere quindi i diritti sui propri contenuti, se e quando questi vengono trasmessi o comunque fruiti attraverso i rispettivi network.

Dal '38 a oggi, evidentemente la tecnologia nel settore delle telecomunicazioni è troppo cambiata per invocare un regio decreto ingiallito dal tempo e dalla polvere. Ed è chiaro che i diritti televisivi - per la Rai come per qualsiasi altro produttore - vanno tutelati a monte, alla fonte, prima che possano arrivare al destinatario o al consumatore finale. Al giorno d'oggi non appare più attuale, cioè adeguata all'evoluzione degli strumenti e anche dei costumi, neppure l'ipotesi di una tassa sull'acquisto del singolo televisore in cambio dell'abolizione del canone: in qualsiasi famiglia, abitazione o ufficio, gli apparecchi per vedere la tv sono più d'uno e non sarebbe ragionevole che un unico soggetto fosse costretto di fatto a pagare come una pluralità di utenti.

Né tantomeno sarebbe immaginabile, per le ragioni già dette, che un tale criterio venisse esteso e applicato ai pc e ai videofonini, parificandoli automaticamente ai televisori. La verità è che questa assurda controversia dimostra una volta di più la crisi esistenziale in cui si dibatte la Rai. È vero che in tutti i Paesi democratici, dall'Europa all'America, esiste ancora il servizio pubblico radiotelevisivo; che ovunque si paga l'abbonamento e il canone è più alto che in Italia; e infine, che anche in questo l'evasione da noi risulta più ampia. Ma non è con i decreti del Regno che oggi la Repubblica italiana può pretendere legittimamente una tassa generalizzata sulla televisione, uguale per tutti, indipendentemente dal reddito individuale di ciascuno e per ciò stesso iniqua.

A parte la soluzione tecnologica che dev'essere individuata e introdotta all'origine, in modo da impedire lo sfruttamento abusivo dei diritti tv, è necessario innanzitutto ridefinire l'identità della Rai, il suo ruolo e la sua funzione istituzionale, per assicurare la credibilità del servizio pubblico liberandola dalla doppia schiavitù alla politica e alla pubblicità. E di conseguenza, per garantire la qualità della sua produzione e programmazione, sempre più omologate allo standard della televisione commerciale.

Altrimenti, nessun decreto o nessuna legge sarà sufficiente per imporre d'autorità ai cittadini-telespettatori il rispetto della tv di Stato.

www.repubblica.it


All times are GMT +2. The time now is 10:52 PM.

Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.