Go Back   Forum > OT-Forum > OT - Forum

LOGIN / ENTRA

Register FAQ Live Now! Rules Live TV Arcade Search Today's Posts Mark Forums Read



Our website is made possible by displaying online advertisements to our visitors.
Please consider supporting us adding to your whitelist www.coolstreaming.us . Read Guide


Reply
 
Thread Tools Search this Thread Display Modes Translate
  #1  
Old 08-19-2007, 02:25 AM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Altri Sport

In questo 3d postate tutte le notizie interessanti sui cosiddetti sport minori


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #2  
Old 08-19-2007, 02:26 AM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Italrugby

Basta un Giappone reattivo e ben organizzato in mischia a togliere certezze all’Italia. A St. Vincent, nel primo test di preparazione a Francia 2007 vinto 36-12 (esordio l’8 settembre a Marsiglia contro la Nuova Zelanda), gli azzurri di Berbizier si illudono di aver chiuso la partita dopo 20 minuti, ma dopo le mete di Stanojevic (2) e Robertson, vengono ingabbiati dai nipponici di John Kirwan.
GAMBE PESANTI - L’aggressività di Miuchi e compagni mina alle fondamenta la conquista degli azzurri: l’ovale esce lento da ogni raggruppamento (quando non viene rubato), la touche non garantisce palloni e nel finale di tempo arriva persino l’onta di una meta subita su maul, la cassaforte dell’ultimo Sei Nazioni. Che il gioco azzurro sia appesantito e sfilacciato dopo i 2 mesi di lavoro di preparazione, lo si vede anche nella prima metà del secondo tempo, con Bortolami e soci senza idee e i giapponesi che mettono in dubbio ogni possesso, fino all’intercetto che porta alla seconda meta, del flanker Makiri.
VOSAWAI OK - Il Giappone è sotto di dieci e attacca, quando Vosawai riaccende la luce. Il 23enne terza linea figiano, entrato al posto di Parisse, con una ripartenza di 30 metri da mischia chiusa dà il via all’azione che porta Lo Cicero a sfondare (29-12). Il risultato prende delle proporzioni accettabili allo scadere, quando Mauro Bergamasco sfonda su una maul (36-12 dopo la trasformazione dalla bandierina di Bortolussi). Secondo test venerdì a Belfast contro l’Irlanda (ore 20.45, dir. La 7 e Sky), dove servirà comunque un atteggiamento diverso.
ITALIA-GIAPPONE 36-12 (22-7)
MARCATORI: p.t. 3’ c.p. Bortolussi, 6’ m. Stanojevic, 9’ m. Stanojevic tr. Bortolussi, 21’ m. Robertson tr. Bortolussi, 26’ m. Nishiura tr. E. Endo; s.t. 10’ s.t. m. Makiri, 27’ m. Lo Cicero tr. Bortolussi, 40’ m. Ma. Bergamasco tr. Bortolussi.
ITALIA: Bortolussi; Robertson, Canale (1’ s.t. Masi), Mi. Bergamasco, Stanojevic; Pez (27’ p.t. De Marigny), Troncon (32’ s.t. Canavosio); Parisse, Ma. Bergamasco, Sole (19’ s.t. Vosawai); Bortolami (cap.), Dellapè (19’ s.t. Bernabò); Castrogiovanni (19’ s.t. Lo Cicero), Festuccia (32’ s.t. Ghiraldini), Lo Cicero (1’ s.t. Perugini). All. Berbizier.
GIAPPONE: Robins (35’ s.t. Ono); Endo, Imamura, Onishi, Loamanu (24’ s.t. Aruga); Ando, Yoshida; Miuchi (cap.), O’Reily (21’ s.t. Asano), Makiri; Thompson, Ono (4’ s.t. Vatuvei); Soma (15’ s.t. Yamamura), Matsubara, Nishiura (31’ s.t. Soma). All. Kirwan.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #3  
Old 08-19-2007, 02:29 AM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default

L'Italia ha battuto la Repubblica Dominicana 3-1 (25-21, 25-19, 23-25, 25-16) in un incontro valido per la pool H del World Grand Prix femminile di pallavolo. Le azzurre del c.t. Massimo Barbolini si sono imposte in 1h28'. Con questa vittoria, la Nazionale femminile si è garantita la qualificazione alla fase finale, che si disputerà a Ningbo, in Cina, dal 22 al 26 agosto. Le azzurre, che domani chiuderanno il terzo weekend di gare contro il Brasile, sono già certe del passaggio del turno grazie ai sei successi ottenuti. Già qualificate anche il paese organizzatore, il Brasile e la Russia.
Italia-Repubblica Dominicana 3-1 (25-21, 25-19, 23-25, 25-16)
ITALIA: Croce (L), Vitez 9, Fiorin 16, Guiggi 9, Barazza 8, Dall'Igna, Ortolani 8, Aguero 18, Lo Bianco 1. Non entrate Arrighetti, Secolo e Stufi. All. Barbolini
REP. DOMINICANA: Vargas 9, Castillo, Caso (L), Mercedes, Del Rosario 1, Cabral 12, Rondon 15, Rodriguez 11, De La Cruz 12. Non entrate Angeles, Nunez e Arias. All. Beato
ARBITRI: Chen (Tpe) e Nesher (Isr)
NOTE:d.s. 22', 22', 23', 21'; tot. 1h28'. Italia: battute sbagliate 10, vincenti 5, muri 4. Repubblica Dominicana: b.s. 12, vincenti 2, muri 16. Spettatori 2.000 circa.

gasport


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #4  
Old 08-19-2007, 10:17 AM
nilats nilats is offline
Member
 

Join Date: Aug 2005
Posts: 45
nilats is on a distinguished road
Default

In omaggio al rugby di seguito riporto la tabella degli incontri internazionali giocati ieri (e non solo) e i prossimi a venire:

Ultimi risultati

INT 18 AUG 2007 Canada 42 - 12 Portugal Ottawa
INT 18 AUG 2007 France 22 - 9 England Marseille
INT 18 AUG 2007 Italy 36 - 12 Japan
INT 18 AUG 2007 Wales 27 - 20 Argentina Cardiff
INT 15 AUG 2007 Chile 25 - 30 Spain Prince of Wales Country Club
INT 15 AUG 2007 South Africa 105 - 13 Namibia Newlands Stadium

Prossimamente

INT 18 AUG 2007 Botswana Tanzania Gaborone Rugby Club
INT 18 AUG 2007 Uruguay Spain Carrasco Polo Club
INT 24 AUG 2007 Ireland Italy Belfast
INT 25 AUG 2007 Chile Uruguay Prince of Wales Country Club
INT 25 AUG 2007 Japan Portugal Venice
INT 25 AUG 2007 Scotland South Africa Edinburgh

FONTE: IRB (International Rugby Board)


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #5  
Old 08-19-2007, 09:42 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Grande Cairoli nel motocross

Antonio Cairoli si è laureato campione del mondo di motocross nella categoria MX2 per la seconda volta in carriera, dopo il titolo conquistato nel 2005. Il pilota siciliano di Patti ha vinto il Mondiale al termine della prima delle due manche del Gran Premio d'Irlanda, disputata sotto una pioggia battente. Cairoli, pilota Yamaha, ha approfittato anche dell'assenza di uno dei suoi più prossimi inseguitori nella classifica mondiale, il francese Christophe Pourcel, infortunatosi ad una spalla durante il warm-up.
NUOVO VALENTINO - Il futuro, forse, sarà in Usa nel Supercross. Cairoli, infatti, ha una grande passione per le gare che si corrono nei mega-stadi degli Stati Uniti. È nata quando Antonio aveva 8 anni e muoveva i primi passi nel cross. Allora il fenomeno degli Usa era McGrath ed è stato il californiano a ispirare Cairoli nella guida spettacolare sui salti artificiali. Il sogno è cimentarsi un giorno a fianco dei campioni della specialità. Intanto il campione vive a Lommel, regno dei crossisti. E' dal 2003 che Cairoli ha affittato una casa nelle Fiandre. L'abitazione dispone di un'officina e di un piazzale per il parcheggio dei furgoni e il lavaggio delle moto.
OBIETTIVI FUTURI - Nel 2009 Cairoli correrà il Mondiale Mx1 con la Yamaha YZ450F. Per ora, nei ritagli di tempo, si diverte a usarla nei campi da cross e in escursioni tipo enduro, in percorsi chiusi al traffico, nei pressi di Patti. Ma, dal prossimo anno, Antonio inizierà a guidare la 450 con più continuità così da arrivare all'inizio della stagione 2009 preparato a domare questa moto di soli 100 chili e oltre 60 cavalli di potenza. Passione che magari condividerà con Marco Melandri, amico e tifoso di 'Toni'.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #6  
Old 08-19-2007, 09:44 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default A Loeb il rally di Germania

"Anche questa è fatta...". Sébastien Loeb si lascia dietro le spalle anche la diciannovesima prova speciale del Deutschland Rally e tira il fiato. E' soddisfatto, l'alsaziano della Citroen: ha vinto - ed è la quinta volta che gli succede in questa stagione - ed ha conservato l'imbattibilità sull'asfalto tedesco dove, nel 2002, aveva colto il suo primo successo in una prova mondiale. Con il primo posto s'è avvicinato a Marcus Gronholm nella classifica iridata e la cosa gli consente di continuare a sperare di conservare il titolo.
STORIA DI UN SUCCESSO - Nel clan della Citroen è festa grande. Merito anche di François Duval che ha tenuto costantemente sotto pressione Gronholm e alla fine l'ha costretto all'errore. "François - dice Loeb - è stato davvero bravo, ma quello che ha fatto non mi sorpende: di essere veloce lo aveva già dimostrato due anni fa quando correva con noi e su queste strade, poi, è sempre stato particolaremnte incisivo". Il vallone gli ha datto una bella mano. Ha pigiato sul chiodo come un forsennato, ha infilato una serie di successi parziali ed alla fine è riuscito a colmare lo svantaggio accumulato soprattutto nella seconda tappa quando aveva pagato parecchio il fatto di essersi dovuto fermare un anno fa alle prime battute e, quindi, di non aver avuto l'opportunità di aggredire le speciali decisamente particolari disegnate all'interno di una base militare. "Sono soddisfatto - ripete a bocce ferme - perché dopo quasi due anni, sono tornato a usare una Xsara e ho dimostrato di essere ancora abbastanza veloce e di saper essere affidabile". Marc Van Dalen, patron della struttura che ha reso possibile l'operazione, lo incoraggia: "Pochi - gli dice - sarebbero riusciti a fare quello che ha fatto e adesso mi auguro di mettere insieme il budget necessario per farti correre anche in Catalunya e in Corsica".
DELUSIONE GRONHOLM - Per Gronholm il finale è amarissimo. La seconda moneta gli è scivolata di mano a una manciata di chilometri dalla fine e dopo essere stato costretto ad armeggiare sulla Focus per arrivare, al traguardo s'è trovato con pochi spiccioli fra le mani. Malcolm Wilson è nero come il carbone: è stato pilota, il boss della squadra che rappresenta il Grande Ovale Blu nel mondiale, sa che sbagliare è molto facile. Ma non riesce a non ripensare alle parole di Christian Loriaux che da un giorno almeno lo invitava a dare una calmata ai due finlandesi.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #7  
Old 08-19-2007, 09:47 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Baseball: Grosseto campione d'Italia

È stata forse la finale scudetto più bella da quando sono stati istituti i playoff, quella che sabato sera ha consegnato al Montepaschi Grosseto lo scudetto del baseball 2007. Sostenuti da settemila tifosi innamorati, i biancorossi toscani, allenati da Mauro Mazzotti, hanno conquistato il quarto titolo della loro storia al termine di una drammatica settima partita, finita 5-4.
LA PARTITA - La squadra di casa, con un Lincoln Mikkelsen monumentale sul monte di lancio nonostante le 23 riprese disputate in appena otto giorni, sembrava aver messo le cose in chiaro già nel primo attacco, facendo capitolare tre volte, con cinque valide, l'italo-venezuelano Giovanni Carrara (313 partite in Major League), uscito poi di scena alla quinta ripresa per far posto a Florian, dopo aver messo in base l'uomo del 4-0. Il rilievo dominicano subiva un altro punticino al settimo inning. E la gara, sul 5-0 per I locali alla fine dell'ottavo inning, sembrava ormai morta e sepolta. Al nono attacco, Nettuno, che fino a quel momento non era riuscito mai a mettere paura al partente statunitense, si rifaceva sotto. Mc Namara e Camino battevano un singolo, Freire caricava le basi dopo aver ricevuto una base per ball. Mikkelsen, nonostante oltre 130 lanci nel braccio, decideva di andare avanti e sembra aver ragione: Peppe Mazzanti e Tavarez rimanevano strike out. A questo punto mancava un out per la vittoria. Leonardo Mazzanti sul conto pieno, però, trovava una battuta che faceva segnare due punti, ed altrettanti arrivavano sui singoli di Parisi e Castrì. Con un solo punto di vantaggio, Mazzotti chiamava il capitano della squadra, Emiliano Ginanneschi per effettuare l'ultimo eliminato, che arrivava sulla battuta di Schiavetti (il miglior battitore della serie) preso al volo da Jorge Nunez.
LA FESTA - A questo punto iniziava un'interminabile festa. Sulle tribune il muro di folla esplodeva di gioia, mentre giocatori e dirigenti correvano felici in mezzo al campo. Un trionfo, quello del Montepaschi, che premia la squadra più regolare nel corso della stagione, con una difesa ed un monte di lancio che hanno fatto la differenza sia nella regular season che nei playoff. Costruita senza grandi stelle, ma con gente che conosceva il campionato italiano (gli ex bolognesi Dallospedale, Ramos e Nunez), la formazione del presidente Banchi ha sovvertito ogni pronostico grazie a giocatori come Mikkelsen (undici vittorie e tanta esperienza e dedizione), Oberto (il miglior lanciatore della regular season, in cui ha firmato anche un perfect game), Jairo Ramos Gizzi (imprendibile quando conta) Kelly Ramos (il leader del gruppo, capace di giocare garasette con una caviglia rotta) messa insieme ad un gruppo italiano ha creato un cocktail che ha permesso di sbarazzarsi in cinque partite di Bologna in semifinale e di avere la meglio su un Nettuno che era stato capace di portarsi avanti nella serie per 3-2, dopo essersi trovato sotto 2-1. Per piegare i laziali nelle gare finali il Grosseto ha dovuto far ricorso a tutte le proprie energie. Venerdì sera un 3-0 tranquillo si era trasformato in 3-3 al nono, ma il Montepaschi era stato capace di ribaltare nuovamente la situazione al 10°. Sabato notte, poi, le mazze laziali hanno provato a fare l'ennesimo miracolo, ma Ginanneschi ha chiuso la porta al momento giusto.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #8  
Old 08-19-2007, 09:50 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Volley femminile: Italia - Brasile 3 a 1

Ieri il passaggio alla Final Six, oggi il successo per 3-1 sul Brasile. Le azzurre del c.t. Barbolini non conoscono soste. Il bilancio finale della fase di qualificazione è di sette vittorie su nove gare, il migliore di sempre. L'Italia ha portato in Oriente una formazione alquanto giovane, ancora di più da questo week end in cui Simona Gioli ha lasciato il posto alla juniores Federica Stufi. Nella formazione in campo una sola titolare degli ultimi Mondiali, la palleggiatrice Lo Bianco. Le soddisfazioni non sono mancate, anche in presenza di uno studiato turn over delle schiacciatrici.
SETTIMA VOLTA - Quella odierna è la settima vittoria della nazionale azzurra femminile contro le brasiliane su 48 precedenti , la seconda nell'ambito del World Grand Prix su dodici gare. L'Italia, dunque, chiude la fase preliminare violando un piccolo tabù. Una vittoria che regala la vittoria di tappa e ci proietta al secondo posto della classifica generale di questa prima fase, che ha sancito la qualificazione di Brasile, Italia, Russia, Olanda e Polonia alla Final Six di Ningbo. A parte le brasiliane e le padrone di casa cinesi, saranno ben quattro le europee in campo, un vero anticipo della rassegna continentale in programma nel prossimo mese di settembre.
DIFESA SUGLI SCUDI - Bella vittoria, ottenuta al termine di una gara decisamente ben giocata. Le azzurre con Fiorin e Guiggi in evidenza, hanno giocato due set eccellenti, poi nel terzo hanno subito il ritorno perentorio delle campionesse uscenti. Bello e combattuto il quarto parziale, con l'Italia avanti per 9-5, rimontata e superata, ma ancora in grado di forzare il gioco e di portarsi sul 23-19. A un passo dal traguardo Lo Bianco e compagne hanno sofferto, hanno visto diminuire il loro vantaggio sino al 23-22, prima che una eccezionale Aguero siglasse i due punti decisivi per conquistare una vittoria che regala tanta soddisfazione.
ITALIA-BRASILE 3-1 (25-20 25-21 15-25 25-22)
ITALIA: Lo Bianco 2, Barazza 6, Fiorin 15, Aguero 17, Guiggi 10, Ortolani 9. Libero: Croce. Arrighetti, Vitez, Secolo 3. Non entrate: Dall'Igna, Stufi. All. Barbolini.
BRASILE: Erika 2, Caroline 1, Sheilla 15, Sassà 8, Fabiana 12, Carolina. Libero: Fabi. Paula Pequeno 16, Joyce 1, Thaisa 3, Fabiola 3. Non entrata: Regiane. All. Zè Roberto.
ARBITRI: Nesher (Isr) e Chen (Tpe)
NOTE: Spettatori: 6000. Durata set: 23, 24, 21, 27. Totale: 1h35. Italia: battute vincenti 3, battute sbagliate 14, muri 8, errori totali 27. Brasile: bv 4, bs 9, m 12, et 28.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #9  
Old 08-21-2007, 08:19 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Setterosa: 8-8 con la Grecia

Il Setterosa debutta nel primo torneo di qualificazione olimpica con un pari ricco di rimpianti contro la Grecia, argento olimpico e già vincitrice della World League proprio qui, a due ore di auto da San Pietroburgo.
ILLUSIONE IN PARTENZA - La squadra di Maugeri parte a bomba (3-0), lamenta un'amnesia tra la fine del primo e gran parte del secondo tempo subendo un break di 5 reti, torna avanti e si fa recuperare due gol negli ultimi 4'. Risultato: il pareggio non è certo il risultato più tranquillizzante per le azzurre, costrette domani a vincere con la Spagna per poi fare i conti giovedì sera al termine della prima fase con la prevedibile differenza reti al cospetto delle elleniche. Una partita a fasi alterne per le due squadre, ma certo è all'Italia che è mancato il guizzo per chiudere i conti. Un rigore sbagliato da Tania Di Mario, una traversa di Manu Zanchi e l'ultimo gol preso in inferiorità numerica sono alcuni degli episodi che fanno uscire dall'acqua le olimpioniche senza sorriso.
LE VOCI - Caustica la centroboa Casanova, autrice di una doppietta: "Potevo fare anche 50 gol, ma se non si vince non possiamo ritenerci soddisfatte". In linea con la tradizione, secondo il portiere Elena Gigli: "Cominciamo male, ma speriamo di finire bene". Niente è compromesso, in una rassegna che ha già visto la quotata Russia pareggiare ieri contro l'Olanda. L'obiettivo è ritrovare il Setterosa cinico in semifinale, la partita potenzialmente più delicata. Ma bisogna, appunto, arrivarci. Un passo alla volta. E attenzione alla Spagna, di domenica. Le nostre "infuriate" contro le furie iberiche...


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
  #10  
Old 08-22-2007, 07:54 PM
magikoMILAN1982 magikoMILAN1982 is offline
Senior Member
 

Join Date: Aug 2006
Location: al Nord!!
Posts: 7,830
magikoMILAN1982 is on a distinguished road
Default Italvolley-donne: servito 3 a 1 alla Russia campione

Comincia con un successo di prestigio l'avventura dell'Italia alle finali del Grand Prix. Le azzurre di Massimo Barbolini hanno battuto 3-1 (25-18, 25-17, 23-25, 25-17) la Russia campione del mondo. Un anno dopo la sconfitta netta nella semifinale del Mondiale, l’Italia ha raccolto l'ottava vittoria in 44 sfide. Con una grande prova di squadra, trascinate da una Aguero inarrestabile e da una Guiggi irresistibile, precise in battuta e attente in difesa, le azzurre hanno raccolto meritatamente il successo.
ESORDIO DIFFICILE - "E' una vittoria importante — ha detto il c.t. azzurro —, per noi era difficile cominciare contro la Russia, alla fine una grossa differenza l'hanno fatta anche gli errori. Sono molto contento per le ragazze". L'Italia ha cominciato bene. Il primo set scivola via. Il primo break con il turno in battuta della Aguero, che porta le azzurre fino al 15-10. Ma è tutta la squadra che gira: con la Croce precisa in ricezione, Lo Bianco arma tutte le compagne. Veloci in attacco e precise in difesa, con un muro che mette in crisi Sokolova e compagne, le azzurre chiudono sul 25-18 con 8 punti della Aguero.
SOLITA AGUERO - Nel secondo l'Italia reagisce dopo un passaggio a vuoto, quando il muro altissimo della Merkulova ferma per tre volte di fila la Fiorin. Con le azzurre in difficoltà, Barbolini inserisce al suo posto la Secolo e comincia il sorpasso, firmato Guiggi e Ortolani. A chiudere il set 25-17 è una battuta vincente della Aguero, sulla riga. La Russia si rifà nel terzo parziale, quando Caprara cambia le carte e inserisce la 18enne Kosheleva per la Gamova. L'Italia recupera due volte lo svantaggio, da 2-5 a 8 pari, poi dal 18-18 **** in cattedra la Sokolova. E non basta la rimonta finale, dal 20-24 fino al 23-24 firmato Aguero e Ortolani. La Alimova al centro allunga la partita.
MURO DECISIVO - Nel quarto set sono le schiacciate della Secolo a far male alla Russia, che crolla sotto i colpi di Aguero e Ortolani, mentr Barazza e Guiggi si prendono il lusso di murare le giraffe russe campionesse del mondo. E' 3-1 per l'Italia, le finali del Grand Prix non potevano cominciare meglio. Domani, alle 9.30 italiane, la seconda sfida Italia-Olanda.
ITALIA-RUSSIA 3-1 (25-18, 25-17, 23-25, 25-17)
ITALIA: Arrighetti, Croce (L), Vitez, Fiorin 3, Guiggi 15, Barazza 5, Secolo 11, Ortolani 17, Aguero 22, Lo Bianco 1. N.E. Dall'Igna e Stufi. All.: Barbolini
RUSSIA: Sedova 6, Alimova 5, Shashkova 11, Godina 6, Safronova 1, Kryuchkova (L), Gamova 11, S. Akulova 6, Kosheleva 7, Merkulova 3, M. Akulova 1. N.E. Fateeva. All. Caprara
ARBITRI: Adonoulis (Gre) e Koshiba (Jap)
NOTE: parziali 25-18, 25-17, 23-25, 25-17; durata set 20', 18', 24', 20'; tot 1h22'. Italia: battute sbagliate 7, vincenti 4, muri 9. Russia: battute sbagliate 14, vincenti 5, muri 12. 3.100 circa.

gazzetta.it


ToolBar Coolstreaming Reply With Quote
Reply







Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes

Posting Rules
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

vB code is On
Smilies are On
[IMG] code is On
HTML code is Off
Forum Jump



All times are GMT +2. The time now is 02:24 PM.



Powered by: vBulletin Version 3.0.7
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.1.0 ©2007, Crawlability, Inc.